×
1 078
Fashion Jobs
MASSIMO BONINI SHOWROOM
Impiegato/a Back Office Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
IRIDE GROUP SRL
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
FOURCORNERS
Brand Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Events Project Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
28 feb 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Maison Margiela: vigili del fuoco celtici e un po’ sadomaso

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
28 feb 2018

Lo si deve riconoscere a John Galliano: la sua immaginazione selvaggia non è mai stata domata. Il suo ultimo défilé di ready-to-wear per Maison Margiela ha ripreso le idee principali che Galliano ha mostrato nella collezione sartoriale per la linea “Artisanal” presentata lo scorso gennaio – usando degli ologrammi per ottenere, beh, un grande effetto. Ma siccome la couture ha bisogno di una luce speciale per apprezzarla del tutto, questi look metallici offrivano una grande profondità tridimensionale alla piena luce del giorno.

Maison Margiela - Autunno-Inverno 2018/19 - Prêt-à-porter Donna - Parigi - Photo: Maison Margiela


Galliano li ha utilizzati su tagli giganteschi: enormi cappotti da pompiere o parka giganti, rifinendo queste fantasie in poliuretano con frange western e strisce di tulle. Ha persino infilato un caban/trench nella struttura di una giacca da motociclista in pelle, realizzando un'imbracatura per il corpo piena di tagli alquanto sadomaso. Lo stilista britannico sarà sempre un po’ cattivello.
 
Il trasferimento di John nell’undicesimo arrondissement parigino, dove si trova il quartier generale di Margiela, continua ad influenzare ed alimentare la sua attrazione per lo street style. Così, ogni modella indossava robuste sneakers di pelle bianca o dalla superficie olografica argentata – reminiscenze delle Reebok “Pump” – ma rifinite con dettagli presi in prestito dall’attrezzatura per le arrampicate in montagna. Il modello di punta della linea si chiama infatti “Security Margiela Sneaker”.

Era presente anche un mood celtico nella collezione: dai cappotti inglesi Harris in tweed che si trasformavano in maniche a maglie intrecciate con punto Aran; a maglioni irlandesi di lana grezza ancora nello stile delle Isole Aran tagliati di sbieco o indossati come enormi sciarpe.

Maison Margiela - Autunno-Inverno 2018/19 - Prêt-à-porter Donna - Parigi - Maison Margiela


Come sempre ormai, da quando è arrivato da Margiela, Galliano non è uscito a salutare, a rispettare una tradizione di Martin Margiela, il riservato fondatore della maison. Ed è un peccato, visto che ci mancano i famosi saluti di John in passerella, vere e proprie sortite aggiuntive di outfit in cui una volta si presentava vestito come uno squilibrato maresciallo napoleonico, quella dopo da pugile che sembrava uscito da un racconto breve di Ring Lardner Jr., e via dicendo.
 
Si può solo immaginare come si sarebbe agghindato al termine di questo show. Che ne dite di Steve McQueen di “L’inferno di cristallo” che incontra Clint Eastwood di “Assassinio sull’Eiger”?

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.