×
1 868
Fashion Jobs
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Showroom Manager Arredamento Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Sales Area Manager, Emerging Markets - Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
AZIENDA DI CALZATURE
Application Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
DIESEL
Europe Head of E-Commerce
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Concessions
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
District Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Area Manager Nord Italia
Tempo Indeterminato · ITALIA
FORPEN
Fisso
Tempo Indeterminato · SAONARA
THUN SPA
Analytics Junior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Analytics Senior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CONFIDENZIALE
Area Manager - Est Europa
Tempo Indeterminato · MILANO
SWAROVSKI
Allocator Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
DOPPELGANGER
Addetto Tesoreria
Tempo Indeterminato · ROMA
HUGO BOSS
Retail Operations Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
STIÙ SHOES
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operations Specialist Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
Pubblicità
Di
APCOM
Pubblicato il
14 gen 2009
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Made in Italy è orgoglio, ma c'è futuro?

Di
APCOM
Pubblicato il
14 gen 2009


La cantante Beyoncé

Beyoncé indossa i suoi stivali, Luisa Ranieri fa da madrina ai suoi sandali di raso e Swarovski, ma senza la tracciabilità di capi e accessori anche un'azienda come questa corre forti rischi.

E' l'allarme lanciato da Gianna Meliani, stilista che ha aderito al progetto di Itf - Italian Textile Fashion per la tracciabilità a garanzia del consumatore, progetto che prevede l'adozione di una etichetta che riporti il percorso seguito dal capo.

Il progetto è stato presentato oggi a Firenze in occasione di Pitti Immagine Uomo: "Il mondo della calzatura è molto indietro - ha ammesso la Meliani, che lavora per l'azienda di famiglia a Santa Maria a Monte (Pisa) - la tracciabilità lì non esiste. Siamo orgogliosi di fare Made in Italy, ma ci chiediamo spesso se ne vale la pena.

Abbiamo dei problemi: abbiamo bisogno di grande manualità ed esperienza, e non c'è un ricambio generazionale, di conseguenza manca la manodopera qualificata. In un'Italia dove ci si lamenta della disoccupazione, come mai aziende come la nostra non trovano dipendenti qualificati?".

Una situazione difficile, rileva la stilista, che è dovuta ricorrere a manodopera 'immigrata' per le sue tomaie: "Fino a qualche anno fa non vedevo grande futuro per la nostra azienda - ha detto - ed ho rivisto questa possibilità grazie alla presenza di aggiunterie cinesi, che ci hanno permesso di continuare a far lavorare i nostri 100 dipendenti italiani.

La nostra è un'azienda familiare schiacciata dai grossi gruppi multinazionali: capisco che la globalizzazione abbia portato molte aziende a cercare produzione fuori dall'Italia, ma perché non deve essere dichiarata apertamente, quando è fatta altrove?".

Secondo la Meliani quindi è necessario andare verso la tracciabilità, ed avere "più controlli, perché in Italia siamo troppo abituati a fare la legge e trovare l'inganno".

Fonte: APCOM