×
1 055
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Events Project Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
Di
Ansa
Pubblicato il
21 mag 2015
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Louis Vuitton: un viaggio nel mondo della maison con 'Exhibition Serie2' a Roma

Di
Ansa
Pubblicato il
21 mag 2015

Dallo storico baule-scarpiera con logo LV appartenuto a Greta Garbo (1926), alla rivoluzionaria interpretazione dei codici stilistici della maison del suo nuovo direttore creativo Nicolas Ghesquière, che disegna tutte le linee donna griffate Louis Vuitton già da tre collezioni. E' questa la sintesi della mostra Exhibition Serie2, inaugurata il 21 maggio a Roma, a Palazzo Ruspoli. Un viaggio nel mondo della maison nata 160 anni fa, in programma fino al 7 giugno.


La mostra vuole spiegare il modo in cui Ghesquière si avvicina ai simboli della maison. Il logo LV era infatti il marchio usato dal fondatore della maison, Louis Vuitton, che contraddistingueva i suoi bauli da viaggio, già dal 1854. Il simbolo con le lettere LV all'interno di un cerchio fu registrato nel 1908 dal nipote Gaston-Louis Vuitton e il logo apparve come firma su lucchetti e chiusure in metallo di bauli e valigie.

Foto: Ansa


Quando Ghesquière è arrivato da Vuitton si è immerso negli archivi attratto dal proprio dal logo, da cui è partito per dar vita alle collezioni di accessori. Nella mostra, riflesso su pannelli luminosi, il cerchio LV simboleggia come le due iniziali abbiano viaggiato nel tempo.

Foto: Ansa


'Talking Faces' è la sezione della rassegna che permette di rivedere la scenografia della sfilata P/E 2015 di Ghesquière, svoltasi l'1 ottobre 2014 nella sede della nuova Fondation Louis Vuitton a Parigi, prima della sua inaugurazione. Lo spettatore al centro dei pannelli di proiezione è circondato dalle modelle.

'Exhibition Serie2'


Ma il viaggio si apre con 'Magic Trunk': al centro di una sala buia c'è un solo un simbolico baule, illuminato da ologrammi di luce. Un omaggio al genio del fondatore della maison.

Infinite 'Show' è la sala che mostra la sfilata P/E 2015 di Ghesquière: una proiezione continua delle 48 silhouette. Nella sala Backstage viene mostrato invece il retroscena della sfilata che ha messo in campo 48 modelle, 25 make-up artist diretti da Pat McGrath, 25 parrucchieri del salone di Paul Hanlon, 40 persone di staff dello Studio, 40 costumisti. Jean Campbell apre la sfilata, con un abito bianco di pizzo in vinile ricamato. Il fotografo francese Jean-Paul Goude rende omaggio al dietro le quinte della sfilata con un suo affresco. "Adoro il lato teatrale della moda - spiega Ghesquière - la follia del backstage, l'isterismo, l'urgenza. Questo affresco si realizza pian piano in un determinato spazio temporale, dalle 5 del mattino fino al momento della prima uscita in passerella.
Racconta la storia della moda da una prospettiva differente".


Foto: Ansa


'Accessories Gallery', è la sala dedicata agli accessori indossati da manichini total white: borse e calzature realizzate con ore e ore di lavoro manuale: sono necessari oltre cento passaggi per creare una borsa Petite- Malle, così come per le calzature cucite a mano dagli artigiani della Riviera del Brenta, nell'atelier di Fiesso d'Artico. "Ho sempre amato creare accessori - rivela lo stilista -. Per me hanno un posto importante nella creazione di un insieme. Una silhouette è un look completo".

Foto: Ansa


La Galleria presenta un avatar stampato in 3D della modella Marte Mei van Haaster con i nuovi accessori. Poster Room fotografata da Annie Leibovitz, Juergen Teller e Bruce Weber, è la campagna pubblicitaria Series 2 per la P/E che mette a confronto tre artisti. La sala mostra anche le immagini di Patrick Demarchelier e da Juergen Teller. Stikers Corridor chiude il percorso con una serie di scatti influenzati dalla pop-art sulla cultura al consumo che diventano 13 adesivi ripetuti all'infinito sulle pareti.
 

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.