×
1 461
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Europe Man Rtw Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FACTORY SRL
Responsabile di Linea Maglieria
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
AZIENDA LEADER NEL SETTORE LUXURY GOODS
Global Retail CRM Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MANDARINA DUCK
Ecommerce Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Espansionista Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Manovia Montaggio
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CMP CONSULTING
E-Commerce e Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · SAN GIOVANNI LA PUNTA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Moda
Tempo Indeterminato · PADOVA
RETAIL SEARCH SRL
Back Office Commerciale - Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Control Project Lead & Analyst
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato ·
JIMMY CHOO
Stock Controller
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
PVH ITALIA SRL
E-Commerce Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Facility & IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
16 dic 2010
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Louis Vuitton atterra in aeroporto a Seul

Pubblicato il
16 dic 2010

Il colosso del lusso LVMH ha concluso con il gruppo Shilla Duty Free, filiale della società Hôtel Shilla, entrambe imparentate con Samsung, un accordo per l'apertura della prima boutique Louis Vuitton della storia ad essere collocata in un aeroporto, quello di Incheon in Corea del Sud.

Louis Vuitton
La "Airstar Avenue" dell'Aeroporto Internazionale di Inchéon, in Corea del sud

Fino ad oggi assente dagli aeroporti, il brand locomotiva del gruppo LVMH avrà quindi il suo primo spazio nei padiglioni detassati dell'aeroporto internazionale di Seul nella seconda metà del 2011. Un accordo senza precedenti per il marchio, che fa seguito, secondo le indiscrezioni, alla "passeggiata" compiuta da Bernard Arnault sulla Airstar Avenue, la galleria commerciale dell'aeroporto Incheon.

In un comunicato, il gruppo Shilla ha definito quest'accordo "un risultato eccezionale". Paradossalmente, il marchio aveva sempre rifiutato di aprire un punto vendita in un aeroporto, quale ne fosse la collocazione e la dimensione del traffico movimentato. E nel momento in cui i gruppi di Asia-Pacifico, soprattutto coreani (Lotte e Shilla principalmente) fanno a gara per raccogliere i frutti di una clientela cinese in pieno delirio da acquisti forsennati, quest'inaugurazione in uno spazio duty free potrebbe presto fare nuovi proseliti.

L'aeroporto di Seul gestisce attualmente circa 5.500 voli, che fanno servizio diretto in 35 città della Cina. Contro ogni previsione, il PDG dell'aeroporto di Incheon, C.W. Lee fa molto affidamento su questa novità proprio per far crescere il numero di voli con la Cina, sperando che quest'inaugurazione possa perfino farne "un aeroporto centrale per il Nord-Est asiatico. Incheon dovrebbe guadagnare un vantaggio concorrenziale nella sua sfida con Hong-Kong, Singapore ed il Giappone nello sforzo per attirare sempre più turisti cinesi e passeggeri in transito".

Un traffico di dimensioni più che seducenti per Louis Vuitton. In effetti, con 29 boutique nel Paese, di cui 8 in duty-free, la Corea del Sud ha già generato un giro d'affari di quasi 179 milioni di euro nel 2009 (fonte “Korea daily”). Dei risultati in gran parte sostenuti proprio dal turismo cinese.

Di Emilie-Alice Fabrizi (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.