×
1 380
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Trainer Skincare
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Retail Analyst
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Regional Visual Merchandising Manager German Speaker
Tempo Indeterminato · LUGANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer Man Appareal - Retail Fashion Company
Tempo Indeterminato ·
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Head of Direct Procurement
Tempo Indeterminato ·
PVH ITALIA SRL
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
IL GUFO SPA
Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
ERMANNO SCERVINO
Rspp & Facility Manager
Tempo Indeterminato · BAGNO A RIPOLI
CONFIDENZIALE
Customer Care Team Leader (m/f)
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Area Manager Trentino Alto Adige
Tempo Indeterminato · BOLZANO
SLAM JAM SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Area Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
CRM Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Area Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
District Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
Responsabile Laboratorio Collaudo e Certificazione Qualità
Tempo Indeterminato · NAPOLI
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
12 giu 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

London Fashion Week: Charles Jeffrey, è il momento di Loverboy

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
12 giu 2017

La London Fashion Week si occuperà sempre della scoperta di talenti grezzi, e pochi sono più grezzi - ma anche più freschi - di Charles Jeffrey, che lo scorso weekend ha messo in scena il suo debutto fashion nella stagione dell’abbigliamento maschile per gentile concessione del suo show di Loverboy. Si è trattato di un incontro fra monelli dell’epoca Tudor, furfanti usciti da un quadro di Hogarth e duchesse vestite con mantille iberiche di seta.

Un momento del primo défilé di Charles Jeffrey da solo


Finalista al ‘Premio LVMH’ – i cui vincitori saranno annunciati la prossima settimana – Charles Jeffrey è un designer in-your-face, da “pugno nello stomaco”, la cui intera opera parla del potere liberatorio dei party.
 
“Si tratta dell’unità euforica della dissolutezza”, ha spiegato in un gremito backstage il designer, che si tinge i capelli d’oro, si colora le guance e ama l'ombretto rosso.

Il suo show si è aperto con una performance della Theo Adams Company, con gruppi di ballerini coperti da scatole, foglie, petali e tutto un armamentario di carta e cartapesta – tutta rosa – dal quale emergevano i modelli.
 
La collezione era essenzialmente un cast di personaggi: punk in tartan multi-fibbia; cortigiani elisabettiani in giacconi di pelle rifiniti con zip; ampi vestiti da gangster a righe; giacche da ussaro con alamari dorati indossati su stivali bianchi da pugile. Il culmine è stato raggiunto con una ‘sposa’ allampanata con la faccia blu, vestita di una crinolina bianca verniciata coperta di cuori e motivi.
 
In un fine settimana dominato dallo scioccante risultato elettorale britannico, questo scozzese politicamente autoconsapevole ha anche mandato in passerella T-shirt con finti titoli di giornale imbarazzanti, parte di un umore mediatico generale contro la stampa che aleggia nella Londra di questa stagione. Una maglietta da un giornale chiamato “The Scottish Basic”, riportava il titolo “Postman Beats Lavendar Bush!”.

Charles Jeffrey - collezione Loverboy - Primavera-Estate 2018


Nel suo primo show autonomo, Jeffrey ha organizzato un lungo giro di passerella all'interno del 180 Strand, un palazzo per uffici incompiuto che guarda sul Tamigi, dove si svolge la maggior parte delle sfilate di abbigliamento uomo. Il pubblico lo ha accolto con un applauso prolungato e saluti di quelli che si riservano a una stella del rock. Che è ciò che Jeffrey è diventato, grazie alle sue leggendarie notti di festa “Loverboy” organizzate una volta al mese a Dalston, dove i partecipanti si coprono i volti con della vernice e indossano costumi scandalosi. Questi party gli hanno persino coperto le spese per completare un master alla Saint Martins nel 2015.
 
Si ringrazia LVMH per aver individuato Jeffrey nei primi anni di carriera. È ancora un creatore piuttosto rozzo, ma se la sua rapida traiettoria continua, alcuni marchi del continente finiranno per essere abbastanza intelligenti da nominarlo direttore creativo.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.