×
1 055
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Events Project Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
12 lug 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Levi Strauss mostra crescite a doppia cifra in Europa

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
12 lug 2017

L'Europa continua ad essere terreno di espansione per Levi Strauss. Nel suo secondo trimestre fiscale, chiuso il 28 maggio, la casa madre dei brand Levi's e Dockers vede crescere il proprio fatturato del 6%... proprio grazie a un particolare incremento delle vendite in Europa del 17% (+20% a cambi costanti). Il suo fatturato ha raggiunto gli 1,068 miliardi di dollari (931 milioni di euro) a livello globale, principalmente grazie a Levi's, con l'Europa che ha portato 280 milioni di dollari al dato.


Levi's vede crescere in Europa soprattutto le vendite dei prodotti da donna e delle magliette - Levi's


In un incontro con gli analisti finanziari, la direzione sottolinea il bel dinamismo registrato nel Vecchio Continente. Nel corso del trimestre, le sue vendite dirette ai consumatori sono cresciute del 21%, avvantaggiandosi delle aperture di negozi (61 in più a livello globale rispetto allo scorso anno). Prova di questa dinamica: in Francia Levi's ha recentemente aperto un flagship al Bercy Village, nella zona Est di Parigi. Le sue vendite all’ingrosso in Europa sono invece aumentate del 18%, con, secondo la direzione del gruppo, un mercato tedesco particolarmente ricettivo. Ma è soprattutto con le vendite di prodotti femminili e di magliette e capispalla che il gruppo ha registrato le crescite migliori, con rispettivamente un +46% e un +48%.
 
"La nostra offerta Donna sta piacendo davvero tanto”, ha affermato Chip Bergh nell’incontro con gli analisti. “Questo è particolarmente vero in Europa, ma si conferma anche a livello mondiale. Abbiamo registrato l’ottavo trimestre consecutivo di crescita. Sono appena tornato dall’Europa e la t-shirt con il logo Levi's è dappertutto. (...) Abbiamo anche una grande risposta sul logo degli anni ’90, diverso da quello attuale, e questo conferma le opportunità che abbiamo per sviluppare la categoria dei capispalla”.

La direzione punta infatti su un raddoppio dell’attività dei segmenti donna e magliette e capispalla nei prossimi anni. "L'unica questione è sapere in quanti anni saremo in grado di realizzarlo", ha sostenuto il CEO.
 
In Europa il gruppo, che ha saputo padroneggiare l’evoluzione del proprio margine lordo, alla fine vede crescere l’utile operativo del 31% nel trimestre, il quale raggiunge i 35 milioni di dollari, per un utile operativo globale di 63 milioni, in aumento dell’8%.
 
La zona Americhe resta comunque il primo mercato del gruppo con 602 milioni di dollari, in crescita del 2% (3% a cambi costanti), influenzata dalle difficoltà del wholesale sul mercato americano, e con un utile operativo di 102 milioni (+5%).
 
In Asia, il gruppo vede migliorare le vendite del 2% (3% a cambi costanti), a 185 milioni di dollari, a seguito dello sviluppo della sua rete di negozi monomarca. Gli investimenti sostenuti hanno influenzato la redditività e così il gruppo statunitense riscontra una stabilità dell’utile operativo a 10 milioni di dollari.
 
Inoltre, per sostenere la crescita della società, il management conferma che incrementerà la percentuale di fatturato destinata agli investimenti nel marketing.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.