×
1 055
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Events Project Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
Pubblicato il
11 ott 2012
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Levi Strauss: l’Europa salva il trimestre

Pubblicato il
11 ott 2012

E' il colmo per Levi Strauss. E' il Vecchio Continente a salvare, per così dire, il trimestre, o quanto meno ne limita il calo. Nel corso del terzo trimestre del proprio esercizio, il produttore di jeans di San Francisco ha visto crescere le vendite in Europa a tasso di cambio costante del 12%, a 206 milioni di euro (266 milioni di dollari USA).

Il flagship degli Champs-Elysées. Foto: PixelFormula

Nello stesso tempo, esse sono calate del 4% sul continente americano, ma soprattutto sono calate del 21% in Asia, che ha pesato per 120 milioni sul periodo. In totale, Levi Strauss ha visto le sue vendite da giugno ad agosto diminuire del 4%, a 852 milioni di euro (1,1 miliardi di dollari USA). Ma in dollari il calo è stato del 9%! In compenso, l'utile operativo è leggermente aumentato a 87 milioni anche se l'impatto del tasso di cambio è stimato a 25 milioni e la chiusura di Denizen in Asia a 45 milioni.

Per Chip Bergh, il boss del gruppo, la sfida è migliorare il margine e concentrarsi sul cuore del business aziendale, e prende come esempio lo stop di Denizen in Asia, e l'outsourcing tramite licenza negli Stati Uniti di 'Levi’s Boys'.

Infatti, il gruppo di San Francisco ha recentemente annunciato il ritiro di Denizen dai mercati asiatici entro la fine del 2013. Una decisione sorprendente, visto che il brand era stato concepito e lanciato proprio per partire alla conquista dell'Asia. Contestualmente, a novembre se ne andrà Aaron Beng-Keong Boey (dal 2005 in Levi Strauss), il responsabile delle operazioni commerciali per l'area Asia-Pacifico e dello stesso marchio Denizen. Andrew Martin, il vicepresidente finanziario della regione, gestirà l’interim.

Bruno Joly (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.