×
1 122
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
12 lug 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Levi Strauss: bel miglioramento dei margini

Pubblicato il
12 lug 2013

Un incremento del 264% dell'utile netto rispetto all'anno scorso. Questo è certamente l'elemento più caratterizzante del secondo trimestre di Levi Strauss, chiuso il 26 maggio. Il gruppo americano ha raccolto quasi 37 milioni di euro, contro i quasi 10 milioni ottenuti un anno prima.

Un modello Levi's Made and Crafted autunno-inverno 2012-13



Con un fatturato che è cresciuto del 5% nel periodo, per raggiungere gli 843 milioni (1.099 milioni di dollari USA), in particolare grazie a un +10% nella zona Americhe, è soprattutto a livello di margini che il brand è migliorato in modo particolare. Il suo margine lordo è passato dal 46 al 50%. Questo miglioramento è dovuto, secondo il gruppo, ad alcuni prodotti per i quali il cotone utilizzato era a un prezzo inferiore a quello dell'anno precedente, ma anche al ritiro del marchio Denizen dal mercato asiatico e alle buone performance dei propri negozi. L'utile operativo è invece passato da 35 a quasi 77 milioni di euro.

“Siamo davvero incoraggiati e motivati dai progressi di questo secondo trimestre. I risultati riflettono in parte la scelta fondamentale che abbiamo fatto l'anno scorso di concentrarci sul nostro core business più redditizio, di estendere selettivamente la distribuzione al di là delle nostre caratteristiche essenziali e di diventare un dettagliante di classe mondiale”, ha dichiarato Chip Bergh, CEO del gruppo. “Chiaramente, abbiamo ancora del lavoro da fare. Affineremo ulteriormente il nostro focus su Levi’s e Dockers realizzando prodotti convincenti e varie innovazioni. Il tutto investendo nella costruzione dell'immagine di marca e nel miglioramento dell'esperienza cliente, che sia nei nostri negozi o con i nostri partner nella vendita al dettaglio".

La strategia di Levi Strauss sembra in effetti dare i suoi frutti. Le vendite sono state trainate verso l'alto dalla zona Americhe (+10%, a 511 milioni), mentre hanno ristagnato in Europa (194 milioni), colpite dal declino delle attività di vendita all'ingrosso, e sono calate in Asia-Pacifico (-4%, a 130 milioni), in parte a causa dell'abbandono di Denizen. In compenso, il gruppo ha reso nota una progressione dell'utile operativo in tutte queste regioni.

Olivier Guyot (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.