×
1 540
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Lombardia/Piemonte- Settore Profumeria
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
BOT INTERNATIONAL
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Ufficio After Sales Calzature
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
SYNERGIE ITALIA
Sales Account
Tempo Indeterminato · LUCCA
STUDIO RENÉ ALBA
E-Business Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
21 apr 2016
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Levi's nominata azienda di moda più trasparente a livello mondiale

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
21 apr 2016

Il movimento etico Fashion Revolution ha pubblicato lunedì scorso, nel giorno inaugurale della sua “Fashion Revolution Week”, in corso dal 18 al 24 aprile, il 'Fashion Transparency Index'.

"Transparency Index", Fendi, Chenal e Hermès fra le aziende meno trasparenti - Fashion Revolution


La ricerca, sviluppata in collaborazione con Ethical Consumer, include 40 dei maggiori marchi di moda e li classifica in base al livello di trasparenza nella loro catena di fornitura.

Levi Strauss & Co, con i marchi Levi’s, Dockers, Signature e Denizen, si è classificata al primo posto come azienda di moda più trasparente con un punteggio del 77%, seguita da Inditex (76%), H&M (76%), Adidas (69%) e Primark (67%), mentre i marchi con le votazioni peggiori sono risultati essere Chanel (10%), Hermès (17%), Claire’s Accessories (17%) Forever21 (19%), Fendi (19%) e LVMH (19%).

La ricerca ha anche rivelato che il 40% delle aziende non hanno un sistema in grado di monitorare il rispetto delle normative sul lavoro e che solo 11 società mostrano di collaborare realmente sul campo con i sindacati, la società civile e le ONG nei Paesi fornitori per migliorare le condizioni di lavoro.

“La mancanza di trasparenza costa vite umane. E' impossibile per le aziende assicurarsi che i diritti umani siano rispettati e che le loro prassi ambientali siano sane e solide senza sapere dove sono fatti i loro prodotti, chi li sta facendo e in quali condizioni” ha detto Carry Somers, co-fondatrice di Fashion Revolution”.

Bryony Moore, capo ricercatore e ricercatore associato di etica del consumo, ha dichiarato: “I risultati mostrano che mentre alcune aziende stanno facendo sforzi ragionevoli per rendere più trasparenti le loro catene di approvvigionamento, c'è un gran numero di società che è di gran lunga al di sotto di questa media e apparentemente sembra ancora operare con poca conoscenza e controllo della propria catena di approvvigionamento. Addirittura alcune aziende non hanno niente di più che un codice di condotta”.

Più trasparenza significa maggiore affidabilità e responsabilità regolamentare e dei consumatori nella catena di fornitura, dice Fashion Revolution. Lo scopo dell'organizzazione è quello di aumentare la consapevolezza sulle problematiche della sostenibilità e dello sfruttamento nella catena di fornitura della moda nell'anniversario dell'incidente del Rana Plaza, la tragedia che ha causato la perdita di 1.134 vite umane.

Fashion Revolution ha anche chiesto ai suoi sostenitori di condividere un selfie sui social media con la domanda #whomademyclothes. Inoltre, diverse attività e iniziative di sensibilizzazione si stanno svolgendo questa settimana in diverse nazioni.

Barbara Santamaria (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.