×
1 331
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
21 apr 2016
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Levi's nominata azienda di moda più trasparente a livello mondiale

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
21 apr 2016

Il movimento etico Fashion Revolution ha pubblicato lunedì scorso, nel giorno inaugurale della sua “Fashion Revolution Week”, in corso dal 18 al 24 aprile, il 'Fashion Transparency Index'.

"Transparency Index", Fendi, Chenal e Hermès fra le aziende meno trasparenti - Fashion Revolution


La ricerca, sviluppata in collaborazione con Ethical Consumer, include 40 dei maggiori marchi di moda e li classifica in base al livello di trasparenza nella loro catena di fornitura.

Levi Strauss & Co, con i marchi Levi’s, Dockers, Signature e Denizen, si è classificata al primo posto come azienda di moda più trasparente con un punteggio del 77%, seguita da Inditex (76%), H&M (76%), Adidas (69%) e Primark (67%), mentre i marchi con le votazioni peggiori sono risultati essere Chanel (10%), Hermès (17%), Claire’s Accessories (17%) Forever21 (19%), Fendi (19%) e LVMH (19%).

La ricerca ha anche rivelato che il 40% delle aziende non hanno un sistema in grado di monitorare il rispetto delle normative sul lavoro e che solo 11 società mostrano di collaborare realmente sul campo con i sindacati, la società civile e le ONG nei Paesi fornitori per migliorare le condizioni di lavoro.

“La mancanza di trasparenza costa vite umane. E' impossibile per le aziende assicurarsi che i diritti umani siano rispettati e che le loro prassi ambientali siano sane e solide senza sapere dove sono fatti i loro prodotti, chi li sta facendo e in quali condizioni” ha detto Carry Somers, co-fondatrice di Fashion Revolution”.

Bryony Moore, capo ricercatore e ricercatore associato di etica del consumo, ha dichiarato: “I risultati mostrano che mentre alcune aziende stanno facendo sforzi ragionevoli per rendere più trasparenti le loro catene di approvvigionamento, c'è un gran numero di società che è di gran lunga al di sotto di questa media e apparentemente sembra ancora operare con poca conoscenza e controllo della propria catena di approvvigionamento. Addirittura alcune aziende non hanno niente di più che un codice di condotta”.

Più trasparenza significa maggiore affidabilità e responsabilità regolamentare e dei consumatori nella catena di fornitura, dice Fashion Revolution. Lo scopo dell'organizzazione è quello di aumentare la consapevolezza sulle problematiche della sostenibilità e dello sfruttamento nella catena di fornitura della moda nell'anniversario dell'incidente del Rana Plaza, la tragedia che ha causato la perdita di 1.134 vite umane.

Fashion Revolution ha anche chiesto ai suoi sostenitori di condividere un selfie sui social media con la domanda #whomademyclothes. Inoltre, diverse attività e iniziative di sensibilizzazione si stanno svolgendo questa settimana in diverse nazioni.

Barbara Santamaria (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.