×
1 497
Fashion Jobs
SIDLER SA
Collection Merchandising Manager Kids / Fashion Brand / Stabio
Tempo Indeterminato · STABIO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Prodotto & Coordinamento Fornitori
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Area Manager Outlet Europa - Fashion & Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Sistemi Informativi
Tempo Indeterminato · VIGEVANO
JENNIFER TATTANELLI
Responsabile Ufficio Prodotto
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Shoes Costing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · TORINO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · GENOVA
CONFIDENZIALE
Sales Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
Di
Ansa
Pubblicato il
2 lug 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Lacroix rende omaggio a Schiaparelli

Di
Ansa
Pubblicato il
2 lug 2013

Forse ci siamo, o quasi: la lunga ricerca del designer giusto per rilanciare la maison Schiaparelli, acquisita da Della Valle, dovrebbe essere arrivata alla meta. A ottobre si saprà il nome che, a gennaio, debutterà con l'alta moda e poi, sempre a Parigi, a fine febbraio esordirà con una collezione che viene definita prêt-a-couture, per dire che si collocherà in alto.

Foto Ansa


In attesa di partire con questi classici appuntamenti stagionali da sfilata, la casa Schiaparelli, con la sua direttrice e musa Farida Khelfa, ex modella, non sta con le mani in mano. Dopo aver presentato, l'anno scorso, la nuova sede della maison, in place Vendome, ha inaugurato, il 1° luglio, nel padiglione del Louvre dedicato a Les Arts Decoratifs, una mostra di 18 abiti, creati da Christian Lacroix come "omaggio personale" alla grande Elsa, stilista italiana ma parigina di adozione.

La collezione non verrà venduta, certamente girerà ma resterà patrimonio della maison. Lacroix non ha rifatto i vestiti firmati Schiap: "non volevo cadere negli archivi, ho espresso l'idea che io ho di lei", ha spiegato il designer arlesiano, da sempre innamorato della creatività stravagante, libera e surreale ma anche pratica, di Elsa Schiaparelli. Tra una mantellina di capra (trattata come fosse la ormai proibita scimmia, pelliccia preferita dalla Schiaparelli) e una piccola giacca caffé con grande gonna ruggine, tra un corpetto corallo con 280 applicazioni di jais nero sui pantaloni harem, tra la cappa di velluto e l'abito verde che rivisita il sari aggiungendo un cappuccio, tra un cappello da Pierrot con volpe rosa e tacchi con pelliccia, tra cinture ricamate da Lesage (queste sì originali d'archivio) e gioielli come scarabei e aragoste, spiccano una tuta e una redingote che sono da sole un racconto.

Nella memoria di Lacroix, infatti, era rimasta sempre impressa l'eleganza delle collezioni Schiaparelli del periodo di guerra, capi pratici, perfino adatti a fuggire sotto le bombe, eppure affascinanti, non convenzionali, molto femminili: ecco allora la "tenue d'alerte", una tuta per correre in rifugio, con zip rossa (Schiaparelli è stata la prima a usarle) e baschina, e una scicchissima redingote nera in crepe di lana, con grandi tasche di seta dove mettere tutto e scappare al primo allarme. Lacroix è molto soddisfatto di questa piccola grande avventura tra passato e presente: potrebbe essere lui il designer definitivo? Pare proprio di no.

Si è ritirato nel 2009 dalle passerelle, ora ha comprato una casa nel centro storico di Arles, è stata la moglie a spingerlo, preoccupata che Christian non sentisse più le sue radici, che sono sempre state la sua forza creativa.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.