×
1 229
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
10 giu 2011
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Labelux acquista anche Belstaff

Pubblicato il
10 giu 2011

Il marchio di abbigliamento Belstaff è stato ufficialmente ceduto dalla famiglia italiana Malenotti nelle mani di Labelux, holding finanziaria con sede a Vienna di proprietà della famiglia tedesca Reimann, che l'ha fondata quattro anni fa dopo aver fatto fortuna con i prodotti per la casa Reckitt Benckiser, e che oggi possiede l'azienda americana di profumeria Coty.

Belstaff, Labelux
Belstaff, collezione primavera-estate 2011

La nuova proprietà ha dichiarato che comunque manterrà la sede sociale a Mogliano Veneto (TV), confermando tutti i 184 dipendenti del brand. Un'operazione costata 40 milioni di euro e già attiva, visto che sin dal 1° giugno Michel Lhoste (ex Ferragamo e Slower) agisce concretamente come General Manager del marchio, ormai ex trevigiano.

Continua così l'inquietante “shopping” di gruppi e colossi esteri che riempiono il loro “carrello” con aziende del nostro Paese. Dopo la Francia: con Gucci e Bottega Veneta acquistati da PPR, Fendi, Emilio Pucci e Bulgari da LVMH e Sma che nel settore della grande distribuzione è stata ceduta dalla Rinascente ad Auchan, è stata la volta degli Emirati Arabi: con Ferré ceduta al Paris Group di Dubai, e prima ancora del Regno Unito: con Valentino passato qualche anno fa dal gruppo Marzotto al fondo di private equity Permira Holdings Limited (PHL), con base nell'isola britannica di Guernsey. Sono poi arrivati gli Stati Uniti: con la Richline del miliardario Buffett che ha acquistato Erz, far.in-ex e 7AR, tre brand del gruppo orafo nostrano Rosato.

Sebbene Belstaff non sia di origini italiane (Franco Malenotti – padre dei fratelli Manuele e Michele - lo acquista nel 2004 attraverso il suo gruppo Clothing Company, ma il brand nasce nel 1924 in Gran Bretagna, a Longton nello Staffordshire), si può tranquillamente sostenere che l'operazione confermi questa tendenza.

Belstaff, Labelux
Giubbotto Belstaff "Trialmaster”

Apprezzatissimo dai Vip, non solo di Hollywood, Belstaff è stato sempre molto presente nel cinema. Basti considerare l'utilizzo del suo giubbotto “Trialmaster” da parte di Steve McQueen o più recentemente le realizzazioni di costumi per film come “The Aviator” di Scorsese o “La guerra dei mondi” di Spielberg, ma anche l'aver vestito Brad Pitt in film come “Il curioso caso di Benjamin Button” di Fincher o “Inglorious Basterds” di Tarantino, o Will Smith in “Io sono leggenda” di Lawrence, o ancora Angelina Jolie e Johnny Depp in “The Tourist” di Von Donnersmarck. Tuttavia, nonostante questo product placement, il marchio non ha mai sostanzialmente ottenuto il successo commerciale sperato. Il suo posizionamento è sempre stato intimamente legato alle proprie origini, basandosi su un abbigliamento outdoor alla moda, con uno stile centrato sugli sport automobilistici e sull'aviazione.

Secondo i documenti sottoscritti tra i Malenotti e Labelux, il passaggio è avvenuto tramite cessione di ramo d'azienda. Ora si attende il nuovo piano industriale. La prima mossa della nuova proprietà, che in un comunicato assicura “un pronto rilancio e nuove assunzioni”, sarà sicuramente un rilancio sui mercati internazionali, grazie soprattutto all'enorme disponibilità di denaro fresco garantita dalla famiglia Reimann (forte di un patrimonio di 7,15 miliardi di euro) e alla potenza distributiva dei canali commerciali di Labelux.

Labelux solo poche settimane fa aveva annunciato anche l'acquisto del produttore di calzature americano Jimmy Choo. Tenendo conto che il suo portfolio annovera anche brand come lo svizzero Bally, lo statunitense Derek Lam, il gioielliere londinese Solange Azagury-Partridge e l'azienda italiana di borse e accessori in pelle di alta qualità Zagliani, Labelux può ormai di buon grado essere considerato un vero gruppo di lusso di taglia intermedia, che si è assestato subito dietro a colossi del calibro di Richemont, LVMH e PPR.

Gianluca Bolelli

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.