×
1 122
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
21 gen 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Karl-Heinz Müller: “Bisogna pensare a cose nuove”

Pubblicato il
21 gen 2015

Bread & Butter Back to the Street è una formula compatta. I locali del Bread&Butter fungono da showroom per diversi marchi (Campus, Freitag, King of Indigo...), presenti in loco perché rimasti fedeli a Karl-Heinz Müller, o perché l'ambiente del Premium o del Panorama non li convince.

Due urne per votare pro o contro la sopravvivenza del BBB.


Lunedì 19 gennaio, Karl-Heinz Müller risponde alle domande di FashionMag.com iniziando con un laconico “No, non ho progetti”. Difficile credergli. Tanto più che i visitatori potevano votare per la sopravvivenza del Bread&Butter, che si terrebbe dal 2 al 4 luglio, da giovedi a sabato.

«Un salone della portata del Bread&Butter versione Barcellona o Berlino, con una selezione dell'offerta e realmente orientato verso i professionisti, non esisterà più in questa forma», afferma Müller.

L'organizzatore, che ha sempre espresso il proprio rispetto per il Pitti, ricorda che la location del salone fiorentino ha spazi limitati, ed è molto più piccola della superficie occupata dall'aeroporto Tempelhof. «Bisogna pensare a cose nuove. Bisogna ripensare i saloni. Oggi, non sono solo a decidere», prosegue il cofondatore del Bread & Butter. In dicembre, ha dovuto compiere un'operazione terribile, dichiarando la sua società insolvente. All'inizio di marzo, l’apertura della procedura di amministrazione controllata sarà ufficiale. A quel punto, i suoi progetti potrebbero essere più chiari.

«Ci sono persone interessate dal marchio, altre dal marchio e dal team. L’obiettivo dell'amministratore giudiziario è di salvare la società, se questo ha un senso, in ottemperanza agli obblighi di legge ...», prosegue Karl-Heinz Müller.

Il manager tedesco sostiene di aver analizzato il mercato essendo consapevole che nella sua fiera ci volessero dei marchi di rilievo, ma anche che bisognava rafforzare la sua dimensione internazionale, che a Berlino non esiste davvero (da qui il progetto interrotto di un ritorno a Barcellona) e coinvolgere in un modo o in un altro i consumatori (da cui il progetto non realizzato di aprire il salone al grande pubblico).

Ma questo non ha funzionato. Oggi, nei locali del Bread&Butter, il visitatore poteva votare per la fine dell'avventura o per la sua prosecuzione. Ma sotto quale veste? «Un salone virtuale non è una soluzione. Internet è uno strumento fatto per completare e ampliare una fiera», puntualizza Karl-Heinz Müller. Certamente placato, ma ancora insoddisfatto ...

Bruno Joly (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.