×
1 571
Fashion Jobs
MAISON DEGAND
Inventory Control Manager
Tempo Indeterminato · BRUXELLES
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Learning Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SOBA SRL LABELON EXPERIENCE BEACH CLUB
Responsabile Amministrativo Contabile
Tempo Indeterminato · BACOLI
OTB SPA
Corporate Tax Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Financial Reporting Coordinator
Tempo Indeterminato ·
BALDININI SRL
Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
THUN SPA
Area Manager Wholesales Province di fr, te, lt, aq, ri
Tempo Indeterminato · FROSINONE
MANTERO SETA
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità

Intersélection: stabile il numero dei visitatori nella sessione di aprile 2010

Pubblicato il
today 24 apr 2010
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

24 apr 2010 – Sull'esempio dei saloni della moda, come il Prêt-à-Porter Paris o il Bread&Butter, Intersélection non fornisce più ufficialmente il numero dei visitatori. Il salone della grande distribuzione avrebbe avuto un leggero calo dei visitatori nazionali, mantenendo il numero di aziende acquirenti. Gli organizzatori sottolineano una qualità e una reattività che hanno portato il salone a un incremento dei visitatori esteri.

Intersélection
Intersélection aprile 2010

Le presenze francofone si sarebbero mantenute stabili, in termini di aziende presenti. Il numero dei visitatori, in compenso, non è stato comunicato. Le squadre inviate sul posto sono state più ridotte, e così il numero dei visitatori francesi si sarebbe contratto dell'11%. Un calo in parte equilibrato dalle presenze internazionali, del 7% più numerose di quelle dell'ultima sessione. In questa edizione vi sarebbe un aumento delle presenze spagnole (+39%), olandesi (+30%), portoghesi (+7%), belghe (+5%) e polacche. "Le aziende sono presenti con meno buyer. Tuttavia abbiamo censito in compenso 310 dettaglianti, contro i 110 di un anno prima", commenta Hervé Huchet, direttore della divisione moda presso Eurovet.

La maggior parte degli espositori interpellati dicono di aver notato un ambiente più calmo rispetto a quello delle sessioni precedenti. Fra la sessantina di nuovi espositori, molti si attendevano un'attività più corposa, ma la maggioranza stima che la loro sola presenza gli porterà benefici in futuro. Fra i visitatori, sono soprattutto gli habitué ad aver frequentato il salone. In particolare erano rappresentate aziende quali 3 Suisses e La Redoute, così come i brand Kiabi, Bata, Morgan, La Halle, Le Tanneur, Phildar, Eram. Si sono presentati pure Beaumanoir, Georges Rech e BCBG, i grandi magazzini Printemps e Galeries Lafayette, e tutte le insegne di supermercati.

La prossima sessione di Intersélection si svolgerà da mercoledì 3 a venerdì 5 novembre prossimi alla Porta di Versailles, date che sono più tardive di quelle inizialmente previste, causa la penuria di hall libere. "L'asse di sviluppo punta verso l'internazionalizzazione, sia per gli espositori che per i semplici visitatori”, conclude Hervé Huchet.

Di Matthieu Guinebault (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.