×
1 498
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Real Estate Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci- Corporate Image Department Director
Tempo Indeterminato · MILANO
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager East Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Tecnico Qualità
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Europe Man Rtw Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FACTORY SRL
Responsabile di Linea Maglieria
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
AZIENDA LEADER NEL SETTORE LUXURY GOODS
Global Retail CRM Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MANDARINA DUCK
Ecommerce Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Espansionista Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Manovia Montaggio
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CMP CONSULTING
E-Commerce e Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · SAN GIOVANNI LA PUNTA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Moda
Tempo Indeterminato · PADOVA
RETAIL SEARCH SRL
Back Office Commerciale - Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Control Project Lead & Analyst
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
Pubblicato il
23 set 2010
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Interbrand 2010: la moda e il lusso rappresentati dai marchi europei

Pubblicato il
23 set 2010

23 set 2010 – Una volta ancora, Coca-Cola si trova al al primo posto della classifica di Interbrand per il valore dei brand, seguita dal pacchetto "tecnologico" (IBM, Microsoft e Google nell'ordine). Louis Vuitton, primo marchio di moda, è al 16° posto.

Consueto barometro annuale che misura l'impatto del logo sul comportamento d'acquisto dei clienti, la classifica 2010 dei 100 marchi di maggior valore non deroga sostanzialmente ai risultati di questi ultimi anni. Anche se Interbrand, il gruppo specializzato in strategie dei brand che crea il rapporto, sottolinea come certi brand abbiano subito gli effetti di episodi legati all'attualità, soprattutto riferiti alla loro sensibilità ambientale. L’esempio più esplicito è quello di BP.

Il nuovo decennio sembra poi profilare un nuovo rapporto fra il marchio e il consumatore, che non esita più a mischiare i generi. E cita come esempio l’acquisto di una gonna Zara e di un paio di Louboutin.

Altra annotazione dei realizzatori il sondaggio riguarda l'arrivo del "real time". In altre parole, il fatto che i brand non possano più così facilmente nascondere certe informazioni, riguardanti per esempio produzione o licenziamenti. L’emergere folgorante dei siti comunitari, dove si scambiano informazioni e dritte su un prodotto, o dove si "postano" commenti o "rivelazioni", come nei casi di Smoking Gun o WikiLeaks, ha cambiato le carte in tavola. Sempre secondo Interbrand, la loro parabola non è ancora terminata, ma anzi continuerà a crescere imponendo gusti, valori e mode.

Nonostante tutto però, alcuni valori di marca restano pressoché "intoccabili" e “immutabili”, legati a un'emozione e nello stesso tempo a una tradizione. Come per Coca-Cola, ancora leader della classifica per l'11° anno consecutivo. Google poi, il cui valore cresce del 36%, è gomito a gomito con Microsoft fra i top 5. Le migliori performance della classifica sono state di Google, Apple (+37%), Blackberry (+32%) e, a sorpresa, JP Morgan (+29%).

Nella categorie moda e lusso, i marchi e le aziende del Vecchio Continente tengono bene. A cominciare da Louis Vuitton che si piazza 16°, con un +4%. Il marchio principe del gruppo di Bernard Arnault, che al momento sta chiudendo prima le sue boutique per carenza di stock, seduce ancora con il suo fascino immutato nel tempo. Stessa valutazione, anche se in un senso più “pop” per H&M, che compare al 21° posto. L’azienda svedese di mass market ha guadagnato 5 punti e le sue puntuali collaborazioni con varie case di moda hanno accresciuto il suo pubblico e la sua immagine. PPR poi appare al 44° posto della classifica con la griffe Gucci, seguita dal numero uno mondiale della cosmetica L’Oréal. Zara si mantiene nella top 50, al 48° posto.

Nella seconda parte della classifica troviamo ancora Adidas (62°) - la sola azienda di sportswear dell'annata 2010 -, Hermès (69°), Tiffany (76°) che precede di un posto il suo concorrente/rivale Cartier, primo marchio del gruppo svizzero Richemont a entrare nella tabella. Infine, Gap, Armani e Lancôme si piazzano rispettivamente all'84°, 95° e 96° posto.

Di Emilie-Alice Fabrizi (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.