×
1 131
Fashion Jobs
IRIDE GROUP SRL
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
FOURCORNERS
Brand Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Events Project Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
Pubblicato il
5 ago 2014
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Hugo Boss: utile a 144 milioni di euro (+7%) nel 1° semestre

Pubblicato il
5 ago 2014

Il gruppo tedesco Hugo Boss ha annunciato i risultati per il primo semestre 2014. Nel secondo trimestre dell’anno Hugo Boss ha registrato un incremento nel ritmo di crescita rispetto ai primi tre mesi del 2014. In questo contesto, il management conferma i target previsti per il 2014 sia in termini di vendita che di ricavi.

Un look maschile Hugo Boss


Il margine Ebitda del gruppo controllato dall'azionista di maggioranza Permira è aumentato di 60 punti base nel secondo trimestre, arrivando a 241,5 milioni di euro, in crescita del 3%, pari al 20,6% del fatturato. Boss archivia il primo semestre dell'anno con un utile di 144 milioni di euro, in crescita del 7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Crescono anche le vendite, del 4% a 1,17 miliardi di euro. L'Ebit si attesta a 191,6 milioni di euro, in crescita del 3%. Supportato da una significativa diminuzione degli oneri finanziari netti, l'utile netto consolidato è aumentato del 18% a 63 milioni di euro

“La nostra continua crescita in Europa e il miglioramento della nostra performance in America costituisce la base dei solidi risultati di questo semestre”, ha commentato Claus-Dietrich Lahrs, CEO e Presidente del Managing Board di Hugo Boss AG. “A dispetto delle persistenti difficili condizioni in alcuni mercati chiave, ci aspettiamo di crescere ancora più rapidamente nel secondo semestre dell’anno, soprattutto in termini di ricavi. Punteremo sul womenswear per assicurare una crescita duratura e profittevole che faccia seguito all’incremento a doppia cifra delle vendite registrato nel corso di quest’anno”.

Le vendite di Hugo Boss sono aumentate dell'8% nel 2° trimestre, ma gli effetti valutari differenziano questo sviluppo. In termini di euro, il gruppo ha registrato un incremento del 5%, a 559 milioni di euro. In Europa, le vendite sono cresciute del 10%. Nelle Americhe, la crescita in valute locali prende ritmo rispetto al trimestre precedente, raggiungendo il 7%. Rettificate degli effetti valutari, le vendite in Asia sono aumentate del 2% rispetto all'anno precedente.

Il commercio all'ingrosso è stato gravato nel secondo trimestre da un contesto di mercato difficile, l'acquisizione di spazi di vendita precedentemente gestiti da partner all'ingrosso, nonché per turni di consegna scalati al terzo trimestre. Nel complesso, i ricavi in questo canale di distribuzione sono stati del 6% al di sotto del livello dell'anno precedente, correggendo gli effetti valutari.

Un look femminile Hugo Boss


La crescita delle vendite per canale distributivo sviluppa in modo irregolare nel primo semestre. I ricavi wholesale del gruppo sono diminuiti del 6% in valute locali. Al contrario, il business retail del gruppo (compresi gli outlet e l'online) è cresciuto del 18% prima degli effetti valutari, sempre nel primo semestre.

Il numero dei negozi al dettaglio di Hugo Boss ha visto un ampliamento netto di 18 nei primi sei mesi, salendo a 1.028 siti. In aggiunta alle 37 nuove aperture, sono stati rilevati 14 negozi in precedenza operati da partner nel commercio all'ingrosso. Sono poi stati chiusi 33 fra negozi (per lo più di piccole dimensioni) e shop-in-shop.

Il capitale circolante netto commerciale di Boss è pari a 456 milioni di euro alla fine del primo semestre, in crescita del 10% rispetto all'anno precedente. Ciò è stato in gran parte dovuto all'aumento delle rimanenze del 12%, a 488 milioni di euro. L'espansione del business retail del gruppo, l'acquisizione di spazi di vendita da partner commerciali, così come gli effetti di variazioni nei turni di consegna hanno influenzato questo sviluppo. A causa di minori investimenti, l'indebitamento netto è diminuito del 10%, a 210 milioni di euro, nonostante il pagamento della maggiorazione del dividendo.

Un look maschile Hugo Boss


La direzione di Hugo Boss riconferma le prospettive per l'intero anno formulate a marzo. La società prevede di conseguire un livello di vendite in crescita a una cifra dopo l'aggiustamento per gli effetti valutari e una crescita a doppia cifra nel proprio business retail.

Il gruppo tedesco sta progettando di aprire circa 50 nuovi negozi su base netta, escluse le acquisizioni. Gli investimenti che effettuerà, compresi tra i 110 milioni di euro e i 130 milioni di euro, si concentreranno principalmente sull'ampliamento e sulla ristrutturazione della propria rete retail. Sulla base del previsto aumento degli utili e del continuo sviluppo dei flussi di cassa, Hugo Boss prevede una posizione finanziaria netta positiva a fine 2014.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.