×
1 654
Fashion Jobs
MANPOWER PROFESSIONAL
Expansion Manager Franchising
Tempo Indeterminato · CESENA
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
10 mar 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Hugo Boss: fatturato e margini in calo nel 2016

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
10 mar 2017

Dopo un’annata movimentata che ha visto l’arrivo di Mark Langer alla guida dell’azienda, il gruppo tedesco Hugo Boss ha registrato un calo delle vendite dell’esercizio 2016, chiuso a 2,693 miliardi di euro, in calo del -4% sul 2015 (-2% a cambi costanti).

La linea Boss è diminuita nel 2016 - Dr


La redditività del gruppo è diminuita, con un Ebitda a meno di 433 milioni di euro, -26,6% rispetto ai 590 milioni del 2015. Tale cifra include gli investimenti per la riorganizzazione della rete di negozi e la chiusura di 20 boutique, ma anche senza tali investimenti l’Ebitda è diminuito del -17%. Il risultato operativo si è attestato a 263 milioni di euro contro i 448 milioni dell’anno scorso, mentre l’utile netto è sceso dai 319 milioni del 2015 a 194 milioni.

L’offerta del brand, che è stata completamente rivisitata a partire dal 2017, ha registrato risultati differenti linea per linea. Boss, la main label, ha registrato una flessione del -13% delle vendite (1,746 miliardi di euro), così come Boss Orange è calata del -7% (225 milioni di dollari). Hanno ottenuto performance positive, invece, la linea sportiva Boss Green (+27%, a 341 milioni di euro) e la proposta giovane Hugo, cresciuta del +32% con un fatturato di 380 milioni di euro.

Le vendite dirette, che rappresentano il 62% del totale, si sono mantenute sostanzialmente stabili (-1%), a 1,677 miliardi di euro, mentre l’e-commerce è sorprendentemente calato del -9%, a 75 milioni di euro. Il wholesale è calato del -11% a 946 milioni di euro, mentre le licenze, soprattutto grazie ai profumi, sono cresciute del 12%, attestandosi a 69 milioni di euro.

A livello geografico, tutte le zone sono in calo dopo gli effetti dei cambi. Europa, Medio Oriente e Africa si confermano il primo mercato per il gruppo con 1,660 miliardi di euro. La Germania ha realizzato 448 milioni, in calo del -4%; malgrado una crescita delle vendite in Inghilterra, gli effetti negativi di Brexit hanno causato una flessione del -4% a 317 milioni di euro in Gran Bretagna. La Francia è scesa a 173 milioni di euro (-3%) e il Benelux a 131 milioni (-8%).

Le Americhe in generale hanno registrato un decremento del -13%, a meno di 382 milioni di euro, determinato dal calo degli Stati Uniti (-17%, a 440 milioni) e del Canada (-4 %, a 75 milioni di euro), mentre l’America Latina ha registrato una crescita del +7%, attestandosi a 67 milioni di euro. Infine, l’Asia-Pacifico ha registrato un -3%, a meno di 382 milioni di euro, con una flessione del -9% in Cina ma una crescita del +10% del Giappone.

Versione italiana di Laura Galbiati

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.