×
1 071
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Area Manager Wholesale Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Product Manager Accessori
Tempo Indeterminato · TREVISO
DELL'OGLIO
Sales Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CLARKS - ASAK & CO. S.P.A.
Addetta/o Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · BUSSOLENGO
RANDSTAD ITALIA
Coordinator Ufficio Commerciale & Marketing
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Autista di Direzione (Driver)
Tempo Indeterminato · MILANO
MASSIMO BONINI SHOWROOM
Impiegato/a Back Office Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
IRIDE GROUP SRL
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
FOURCORNERS
Brand Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
17 gen 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Hugo Boss beneficia della ripresa delle vendite in Cina e Regno Unito

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
17 gen 2017

Le azioni del marchio tedesco Hugo Boss crescevano del 7% questo lunedì, dopo che l'azienda ha annunciato di attendersi che il suo risultato operativo cali meno del previsto nel 2016, grazie alla ripresa delle vendite in Cina e nel Regno Unito nell'ultimo trimestre dell'anno.

Boss Women - primavera-estate 2017 - Womenswear - New York - © PixelFormula


Le vendite asiatiche di Hugo Boss sono cresciute del 5%, a cambi costanti, nel 4° trimestre, dopo un calo del 3% nel 3° trimestre. Il gruppo tedesco del lusso ha infatti ridotto i prezzi in Cina allo scopo di avvicinarli a quelli praticati in Europa e negli USA.

Il gruppo ha annunciato che le sue vendite comparabili sono cresciute di quasi il 20% nella Cina continentale, dopo gli aggiustamenti degli effetti dei cambi valutari, e prevede che il proprio risultato operativo del 2016 raggiungerà il limite superiore nel range delle sue previsioni, che prevedevano un calo compreso tra il 17 e il 23%. I risultati dell'esercizio 2016 saranno pubblicati il 9 marzo.

Mark Langer, che ha preso le redini del gruppo a maggio 2016, ha dato il via a un ritorno alle origini, alla vendita di abiti da uomo, mentre il suo predecessore, Claus-Dietrich Lahrs (il cui obiettivo era di fare di Hugo Boss un marchio di lusso invece che premium), aveva investito in maniera importante nella moda femminile.

“I risultati del 4° trimestre confermano che siamo sulla buona strada”, ha dichiarato Mark Langer in un comunicato.

I consumatori cinesi, che sono i principali acquirenti di prodotti di lusso, rappresentando più di un terzo della domanda globale, sono tornati nei negozi, secondo quanto hanno potuto osservare i grandi gruppi del lusso negli ultimi mesi, grazie in particolare all'adozione di varie misure governative che favoriscono i consumi locali.

Le vendite del gruppo sono diminuite del 3% nel 4° trimestre, a 725 milioni di euro, pari a un calo dell'1% a cambi costanti. Si tratta dunque di un miglioramento della situazione rispetto al 3° trimestre, che aveva visto calare le vendite del 6% a cambi costanti.

Oltre alla Cina, Hugo Boss ha messo in evidenza la progressiondelle vendite nel Regno Unito, che hanno consentito alle vendite europee di crescere nell'ordine del 2%.

Anche altri marchi premium, come l'inglese Burberry, hanno annunciato una crescita delle vendite nel Paese, grazie ai turisti che hanno scelto di approfittare del calo della sterlina, conseguenza del voto sulla Brexit.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.