×
1 497
Fashion Jobs
SIDLER SA
Collection Merchandising Manager Kids / Fashion Brand / Stabio
Tempo Indeterminato · STABIO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Prodotto & Coordinamento Fornitori
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Area Manager Outlet Europa - Fashion & Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Sistemi Informativi
Tempo Indeterminato · VIGEVANO
JENNIFER TATTANELLI
Responsabile Ufficio Prodotto
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Shoes Costing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · TORINO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · GENOVA
CONFIDENZIALE
Sales Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
Pubblicato il
23 giu 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

H&M: +17% di vendite nel primo semestre

Pubblicato il
23 giu 2014

Il gruppo svedese di prêt-à-porter Hennes & Mauritz (H&M) ha ottenuto un fatturato di 7,7 miliardi di euro (69,97 miliardi di corone svedesi) nel 1° semestre, chiuso a fine maggio. Un incremento del 14% nelle valute locali e del 17% in corone, indica la società.

H&M primavera-estate 2014



Nel secondo trimestre del suo esercizio scalato, il gruppo ha registrato un incremento dell'utile netto del 25%, a 5,809 miliardi di corone (circa 645 milioni di euro). Questo dato corrisponde globalmente alle attese degli analisti del consensus Dow Jones Newswires, che puntavano su 5,63 miliardi.

Il fatturato è aumentato di oltre il 19% in un anno, a 44,181 miliardi di corone, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. La buona salute del secondo trimestre (marzo-maggio) si spiega soprattutto per le collezioni, che sono state "ben accolte", e attraverso la continuazione di "una forte espansione", si è rallegrato il direttore generale Karl-Johan Persson, citato in un comunicato.

Tutti i marchi del gruppo, da H&M Home a COS, passando per Monki o Weekday, hanno incrementato bene le loro vendite sulla totalità del trimestre, secondo il DG. Il gruppo ha annunciato il lancio in autunno di una nuova gamma, più ampia, di calzature. Il lancio si svolgerà contemporaneamente nei negozi di nove Paesi e su Internet.

La strategia di crescita di H&M consiste nell'aumentare dal 10 al 15% il numero dei suoi negozi nel mondo tutti gli anni, con una notevole redditività, ha ricordato il gruppo di fast fashion.

H&M prevede così l'apertura di 375 nuovi negozi in tutto il 2014. La maggioranza di loro è prevista negli Stati Uniti e in Cina, oltre all'Australia, dove è stato aperto un primo store in aprile; ma il gruppo comincerà anche a distribuirsi in India e nelle Filippine dal prossimo autunno. H&M punta anche sulla Spagna, sull'Italia e sulla Cina per contare di più su Internet a partire dalla fine dell'anno.

Ottimista, H&M si è tuttavia affrettato a sottolineare nel suo report alcuni fattori di rischio e incertezza con i quali si troverà a fare i conti in un prossimo futuro (condizioni meteorologiche, cambiamenti macro-economici negativi o fattori esterni nei Paesi produttori), ma senza allarmarsi più di tanto.

Nell'esercizio chiuso a fine novembre, il gruppo svedese ha raggiunto i 17 miliardi di euro di fatturato (+6%) consentito dall'ulteriore sviluppo della rete (di 3.100 negozi in 53 Paesi). Generati poi 1,92 miliardi di euro di utili.

Matthieu Guinebault e AFP (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.