×
1 010
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CONFIDENZIALE
Country Sales Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
RETAIL SEARCH SRL
Responsabile Produzione - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
BENETTON GROUP SRL
Sap Analyst
Tempo Indeterminato · TREVISO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
Controller
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CANALI
Analista Programmatore Erp Dynamics ax
Tempo Indeterminato · SOVICO
Pubblicità
Di
APCOM
Pubblicato il
12 ott 2011
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Gucci: maltrattamenti in negozio, licenziati responsabili

Di
APCOM
Pubblicato il
12 ott 2011

Gucci ha annunciato di aver "sostituito" molti dei suoi dipendenti dopo la denuncia apparsa sulla stampa cinese di casi di maltrattamenti in uno dei suoi negozi a Shenzhen, nel sud della Cina.

Gucci
Foto APCOM

In una lettera aperta ai mass media cinesi, cinque ex dipendenti del negozio avevano infatti denunciato di aver fatto straordinari non retribuiti, di aver dovuto pagare per ogni articolo rubato dalla clientela e di aver dovuto chiedere il permesso per bere o andare al bagno.

"Gucci non approva e non tollera questa mancanza di professionalità di cui viene accusata - ha risposto in un comunicato l'azienda di proprietà del gruppo francese Pinault-Printemps-Redoute (PPR) - Gucci ha condotto un'indagine approfondita e ha adottato una serie di misure, tra cui la sostituzione degli alti funzionari interessati e del direttore aggiunto del negozio".

L'azienda, che possiede 42 negozi in Cina, ha aggiunto inoltre di aver chiesto a consulenti esterni di rivedere le sue pratiche professionali in Cina.

A tale proposito, è da notare come il numero di conflitti sociali nella seconda economia mondiale sia considerevolmente in aumento, visto che un numero sempre maggiore di lavoratori chiede a gran voce migliori condizioni di lavoro ed aumenti di stipendio.

L'anno scorso per esempio, il gigante dell'elettronica Foxconn di Taiwan, che è fornitore soprattutto di Apple, Sony e Nokia, aveva sperimentato la brutta esperienza di un'ondata di suicidi, ma fino ad oggi pochi casi di maltrattamenti erano stati segnalati nei punti vendita di marchi stranieri.

Fonte: APCOM