×
1 655
Fashion Jobs
MICHAEL PAGE ITALIA
Merchandising Manager - Abbigliamento e Calzature - Padova
Tempo Indeterminato ·
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Export Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · TREVISO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Watches & Jewellery Marketing & Communication Director
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Responsabile Avanzamento Campionario
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Leather Goods Merchandising Senior Manager
Tempo Indeterminato ·
DELL'OGLIO
HR Generalist
Tempo Indeterminato · PALERMO
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
C.P. COMPANY
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
Di
APCOM
Pubblicato il
9 set 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Greenpeace scova sostanze chimiche pericolose usate dall'abbigliamento outdoor

Di
APCOM
Pubblicato il
9 set 2015

Sostanze chimiche pericolose e persistenti, usate anche nella produzione di abbigliamento outdoor, lasciano tracce nei luoghi più remoti e apparentemente incontaminati del globo: lo ha rivelato "Impronte nella neve", un rapporto di Greenpeace sulla diffusione nell'ambiente dei PFC, composti poli e per-florurati impiegati in numerosi processi industriali.

OutDoor Friedrichshafen


Fra maggio e giugno otto squadre di attivisti di Greenpeace hanno intrapreso spedizioni in altrettante aree montane e remote di tre continenti, per prelevare campioni di acqua e neve che sono stati poi analizzati in laboratorio al fine di verificare la presenza dei pericolosi PFC. Le concentrazioni maggiori sono state trovate nel lago di Pilato, sui Monti Sibillini, tra Umbria e Marche, ma anche negli Alti Tatra, in Slovacchia, e sulle Alpi, nel parco nazionale svizzero. Le altre spedizioni sono state portate a termine nella Patagonia cilena, in Cina, Russia, Turchia e nei Paesi scandinavi.

"Abbiamo trovato tracce di PFC nei campioni di neve raccolti in tutte le località oggetto d'indagine", ha affermato Giuseppe Ungherese, responsabile campagna inquinamento di Greenpeace Italia. "Preoccupa che questi inquinanti pericolosi e persistenti si trovino persino nei luoghi più remoti del pianeta", ha aggiunto.

I PFC sono impiegati in molti processi industriali per la produzione di beni di consumo: il settore dell abbigliamento outdoor li usa nelle finiture impermeabilizzanti e antimacchia. Una volta rilasciati nell ambiente si degradano molto lentamente, restando nella forma originaria per diversi anni e disperdendosi così su tutto il globo.

Marchi che producono anche abbigliamento outdoor, come Puma e Adidas, hanno già adottato obiettivi ambiziosi per l eliminazione dei PFC. Alcune aziende più piccole ma specializzate nella produzione per l outdoor, come Fjällräven, Paramo, Pyua, Rotauf e R'ADYS, producono già intere collezioni di abbigliamento idrorepellente PFC-free. Ma sono proprio i marchi leader del settore, come The North Face, Columbia, Patagonia, Salewa e Mammut, a mostrare scarso senso di responsabilità quando si tratta di eliminare i PFC.

Fonte: APCOM