×
1 376
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA LOGISTICA
Bottega Veneta Purchasing & Production Jewelry Specialist
Tempo Indeterminato · MONTEBELLO VICENTINO
FOURCORNERS
Digital Marketing
Tempo Indeterminato · COMO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · CREMONA
FOURCORNERS
Retail Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Discord Community Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Web3 Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising And Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
UMANA SPA
Industrial Controller
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Controlling Reporting & Finance Projects Lead
Tempo Indeterminato ·
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Industrializzatore/Industrializzatrice Pelletteria
Tempo Indeterminato · PADOVA
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Direttore - Department Store Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Media Insights Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
THUN SPA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Affiliate E-Commerce Coordinator
Tempo Indeterminato · CHIASSO
VERSACE
Stock Controller - Napoli
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Responsabile Ricerca Tessuti
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
TBD EYEWEAR
Creative Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Accessori Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
APCOM
Pubblicato il
7 giu 2009
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Greenpeace mette scarpa fumante davanti a negozio Geox

Di
APCOM
Pubblicato il
7 giu 2009

Milano, 5 giu. (Apcom) - Greenpeace denuncia la distruzione della foresta amazzonica e attacca i marchi che, con le loro politiche di acquisto, contribuiscono all'aggressione.


Geox Respira

Questa mattina i commessi di uno dei più centrali negozi Geox d`Italia, in via Dante a Milano, hanno trovato all`apertura le vetrine decorate con enormi riproduzioni fotografiche degli incendi e delle fiamme che aggrediscono l`Amazzonia e, di fronte all`entrata, una scarpa lunga due metri dalla cui suola esce un denso fumo.

"Dopo tre anni di ricerche internazionali abbiamo pubblicato l`inchiesta 'Amazzonia, che macello!'. Abbiamo scoperto quali sono i marchi che con le loro cieche politiche di acquisto potrebbero essere la causa della distruzione dell`ultimo polmone del Pianeta" spiega Chiara Campione, responsabile campagna foreste di Greenpeace". "Geox è fra questi, acquistando pelle dalla conceria italiana Gruppo Mastrotto. Quest`ultima si rifornisce di pelle brasiliana da uno dei super macellai che distruggono l`Amazzonia: Bertin. Abbiamo chiesto a Geox quali misure intende prendere per far sì che le scarpe che produce, oltre a far respirare i piedi, non soffochino l`Amazzonia e il nostro clima. Non abbiamo mai ricevuto risposta".

Greenpeace ha dimostrato come, dagli allevamenti nel cuore dell`Amazzonia, dove il lavoro schiavile e l`invasione delle terre indigene sono la norma, i bovini arrivano nei macelli controllate da tre grandi aziende: Bertin, JBS e Marfrig che vendono carne e pelle in tutto il mondo. In quest`inchiesta emergono i nomi di marchi come Geox, Chateau d`Ax, Kraft e Cremonini.

Nella giornata mondiale dell`ambiente Greenpeace denuncia che l`Amazzonia, il più grande polmone del Pianeta, il nostro futuro, viene distrutta al ritmo di un ettaro ogni 18 secondi a causa delle nostre scarpe, borse, divani, della carne in scatola e molto altro ancora. Per questo, grazie a Greenpeace, migliaia di persone in tutto il mondo stanno scrivendo alle aziende coinvolte chiedendo una soluzione (www.deforestazionezero.it).

"Greenpeace aspetta - dice Chiara Campione- di incontrare i vertici di Geox per chiedere, come stanno già facendo migliaia di consumatori, di non acquistare da allevamenti e aziende che sono legate alla distruzione dell`Amazzonia e sostenere un`immediata moratoria sulla deforestazione di questo importante patrimonio".

La deforestazione causa un quinto delle emissioni globali del nostro pianeta. Mentre ai negoziati internazionali di Bonn viene valutata la proposta di includere i crediti derivanti dal REDD (Riduzione delle Emissioni da Deforestazione e Degradazione delle Foreste) all`interno dei meccanismi per il commercio delle emissioni, la foresta amazzonica viene distrutta anche a causa dell`industria della pelle e della mancanza di responsabilità dei governi del mondo.

Fonte: APCOM