×
1 535
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Lombardia/Piemonte- Settore Profumeria
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
BOT INTERNATIONAL
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Ufficio After Sales Calzature
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
SYNERGIE ITALIA
Sales Account
Tempo Indeterminato · LUCCA
STUDIO RENÉ ALBA
E-Business Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
Di
Ansa
Pubblicato il
12 feb 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Golden Lady: c'è intesa, salvi 80 posti

Di
Ansa
Pubblicato il
12 feb 2015

La Golden Lady investe sul polo produttivo di Basciano con la nuova linea produttiva di calze senza cucitura in Italia e non in Serbia. L'intesa sarà sottoscritta nei prossimi giorni, in Confindustria, ma gli impegni che hanno assunto il 10 febbraio scorso azienda e sindacati davanti a Regione e Provincia, di fatto salvano 80 posti di lavoro della sede produttiva di Basciano.

Foto: Ansa


L'azienda in un primo momento voleva dismettere due reparti e portarli in Serbia con la conseguente fuoriuscita di 80 addetti su 330. "Dopo una vertenza serrata, la mediazione di Regione e Provincia di Teramo - commenta il vice presidente Giovanni Lolli - siamo riusciti a far capire alla Golden Lady l'importanza strategica dello stabilimento di Basciano e, soprattutto, il fatto che la messa in mobilità di 80 dipendenti avrebbe significato l'inizio della fine per l'insediamento produttivo".

Lo stabilimento di Basciano della Golden Lady conta circa 330 addetti; l'azienda aveva deciso di dismettere due reparti della struttura produttiva e portarli in Serbia con la conseguente fuoriuscita di 80 addetti. La tensione con sindacati e lavoratori era divenuta più elevata quando l'azienda aveva deciso di trasferire 80 macchinari da Basciano alla struttura tecnica di Firenze per la riconversione. Da lì era partita una lunga e delicata vertenza portata avanti da Giovanni Lolli, per la Regione Abruzzo, e Domenico Di Sabatino per la Provincia di Teramo.

"L'azienda ha capito le ragioni dei lavoratori e delle istituzioni - aggiunge Lolli - così come le istituzioni si sono impegnate in un loro diretto intervento per agevolare il nuovo investimento nello stabilimento di Basciano. Da qui la decisione di riportare a Basciano le linee produttive sulle calze senza cucitura, nuovo prodotto lanciato sul mercato dalla Golden Lady, mantenere inalterate le capacità occupazionali dei due reparti che si volevano trasferire e portare temporaneamente al centro tecnico di Firenze 80 macchinari. Questi macchinari - spiega ancora Lolli - dovranno essere riconvertiti secondo le rinnovate esigenze produttive e torneranno a pieno regime a Basciano per dare seguito alla lavorazione del nuovo prodotto di calza senza cucitura".

Davanti a sindacati e azienda Giovanni Lolli ha voluto sottolineare "il valore straordinario della decisione della Golden Lady che in questo modo ha nuovamente attribuito allo stabilimento di Basciano un posizionamento strategico importante all'interno dell'azienda stessa". Secondo quanto ha affermato Federico Destro, responsabile personale della Golden Lady, l'operazione di riconversione dei macchinari a Firenze dovrebbe concludersi entro 2/3 mesi, al termine dei quali i due reparti torneranno alla produzione mirata sulle calze senza cucitura.

La notizia arriva proprio quando Il Sole 24 Ore pubblica gli incoraggianti risultati di questo nuovo prodotto la "calza senza cucitura" in Francia: non solo nei 400 punti vendita francesi del gruppo, ma anche nei 700 super e ipermercati dei big della grande distribuzione, come Corà, Auchan, Intermarché e Leclerc, che hanno rinnovato gli accordi con la casa di collant per la commercializzazione di 2 milioni di paia di calze per un valore alla vendita di 10 milioni di euro.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.