×
733
Fashion Jobs
OFF-WHITE C/O VIRGIL ABLOH
Franchising Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Network & Security Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
CONFIDENZIALE
Sistemista IT
Tempo Indeterminato · LUGANO
NEIL BARRETT
IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM
Digital Media Manager
Tempo Indeterminato · GALLARATE
FOURCORNERS
Product Marketing Manager - Fragranze
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Logistic And Customer Service Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Developer
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Commerciale Senior
Tempo Indeterminato · CREMONA
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Digital Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
SLOWEAR SPA
Retention Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Omnichannel Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CWF - CHILDREN WORLDWIDE FASHION
Wholesale Coordinator H/F
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Creative & Product Director
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Buyer Rtw Woman
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
15 mar 2017
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Giorgio Armani perfeziona la riorganizzazione della sua azienda pensando al futuro

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
15 mar 2017

La strategia di Giorgio Armani si precisa maggiormente dopo l’annuncio, dato durante l’ultima Settimana della Moda maschile di Milano, della riorganizzazione del proprio portafoglio. Come anticipato da FashionNetwork.com alla fine di febbraio, a partire dalla stagione primavera-estate 2018, l’offerta del gruppo italiano si concentrerà attorno a tre segmenti distinti, rivolti ad altrettanti diversi target, che porteranno una maggiore chiarezza nella mente dei consumatori, spiegano dall’interno della casa di moda.

Giorgio Armani al termine della sfilata di Emporio Armani di febbraio 2017 - © PixelFormula


Come anticipato, il gruppo riorganizzerà la propria offerta attorno a tre assi di prodotti, ma ora si conoscono con più precisione i contorni di questa nuova focalizzazione: il polo lusso, con la linea principale Giorgio Armani, la collezione di alta moda Armani Privé e la linea di design e arredamento Armani/Casa, la seconda linea Emporio Armani, nella quale confluiranno la linea dai prodotti molto classici Armani Collezioni e l’etichetta Armani Jeans, più casual, pensata per piacere ai clienti più giovani, e la linea più commerciale dallo stile giovane e urbano A/X Armani Exchange.
 
Quest’ultima è oggetto di un riposizionamento e di un cambiamento di strategia. Considerata inizialmente come un marchio di fast fashion, questa collezione per uomo e donna lanciata da Giorgio Armani nel 1991, fino a poco tempo fa è stata distribuita esclusivamente nei mercati americani e asiatici. Il gruppo la presenta ora come un brand “giovane e accessibile” e non più “fast fashion”, e ha dato il via alla sua distribuzione in Europa.

In effetti, la sua offerta si è evoluta. In origine composta essenzialmente da magliette, jeans e polo, la collezione più economica del gruppo in termini di prezzi ha rinnovato la gamma di prodotti nel corso degli anni, passando “da una selezione di capi basic a un guardaroba moderno più completo (la giacca di pelle perfetta, le T-shirt molto morbide, il jeans per tutti i giorni) nell’intento di seguire l’evoluzione dell’espressione di sé dei giovani abitanti delle città di tutto il mondo”, precisa il gruppo in un documento di presentazione del marchio.
 
“Dal 2015, A/X Armani Exchange ha compiuto un altro passo, captando lo spirito e l'inventiva dei giovani creativi urbani, miscelandoli con la sensibilità italiana e un approccio intuitivo e democratico allo stile”, sottolinea ancora il gruppo Giorgio Armani.
 
Per riposizionare la linea in modo migliore, Giorgio Armani ne aveva ripreso il controllo diretto al 100% nel 2014, mentre in precedenza A/X Armani Exchange era gestita da una joint venture con dei partner che ne assicuravano la produzione e la distribuzione su licenza. Grazie a questa operazione, la firma italiana ha potuto rivedere non solamente il prodotto, ma anche la distribuzione del brand.
 
Così, Armani/Exchange è sbarcato in Europa, partendo da Inghilterra, Portogallo, Paesi Bassi, Belgio e Francia, dove ha aperto il primo negozio a Marsiglia lo scorso dicembre nel centro commerciale “Terrasses du Port”. La distribuzione europea verrà realizzata principalmente attraverso dei franchising, ha comunicato la società.
 
Chiarezza
 
Parallelamente, ha cominciato ad essere più chiara la situazione riguardante la Fondazione Giorgio Armani, creata allo scopo di di garantire la continuità del gruppo. Lo stilista piacentino aveva annunciato lo scorso luglio l’intenzione di creare una fondazione a suo nome, dando così per la prima volta delle indicazioni sui suoi progetti di successione.
 
Sempre molto attivo in azienda, Giorgio Armani non ha mai indicato con chiarezza chi potrebbe essere il suo successore o comunicato i progetti che ha in mente per il gruppo, ma in quell’occasione aveva dichiarato che la fondazione “proteggerà la governance delle attività del gruppo Armani e aasicurerà la loro stabilità nel tempo, nel rispetto e in coerenza con dei principi che sono particolarmente importanti per [lui]”.
 
Secondo le rivelazioni de Il Sole 24 Ore, la Fondazione è stata costituita ufficialmente a fine 2016 da Giorgio Armani, il quale ha versato lo 0,1% del capitale del suo gruppo, vale a dire l’equivalente di 10 milioni di euro, ai quali sono stati aggiunti 200.000 euro, dei quali 40.000 saranno destinati a un fondo di garanzia.
 
La dotazione economica di questa entità potrà essere arricchita da ulteriori attribuzioni patrimoniali dello stilista, “anche a titolo ereditario”, rivela ancora il quotidiano economico milanese, che ha avuto accesso ai documenti relativi alla costituzione della Fondazione. Il che suggerisce chiaramente che la Fondazione Giorgio Armani avrà la possibilità un giorno di prendere il controllo del gruppo di moda.

(Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.