×
1 347
Fashion Jobs
EDAS
Commerciale/Export
Tempo Indeterminato · ROMA
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
Pubblicato il
22 mag 2011
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Gap cala nettamente in Borsa a seguito delle previsioni per il 2011

Pubblicato il
22 mag 2011

All'inizio di maggio, la partenza-lampo di Patrick Robinson, il direttore artistico di Gap dal 2007, non aveva fatto presagire niente di buono per il gruppo americano. La sensazione provata si è rivelata giusta dopo l'annuncio delle cifre – effettivamente allarmanti – per il primo trimestre 2011. Eppure Gap ha fatto registrare una crescita del 18% delle proprie vendite online, che hanno raggiunto i 246 milioni di euro. Il gruppo è progredito anche sui suoi mercati di Europa ed Asia. Anche le sue vendite nette non sono state catastrofiche; infatti, sono calate solo dell'1%, a 3,3 miliardi di dollari USA (2,3 miliardi di euro) e del 3% a perimetro costante.

Gap inc
Un inizio 2011 molto delicato per il gruppo Gap Inc. - Foto: Gap

Soprattutto però, la label di San Francisco, che possiede i brand Gap, Old Navy, Banana Republic e Athleta, accusa un crollo del 23% del proprio risultato operativo, che scende a 164 milioni di euro. "La società aveva previsto che l'attività potesse essere notevolmente influenzata dall'inflazione dei costi per gli approvvigionamenti”, spiega il PDG Glenn Murphy in un comunicato. “Anche se la società stessa aveva previsto in anticipo un aumento dei costi del sourcing durante l'anno, queste spese hanno raggiunto un livello ben superiore alle nostre stime. L'azienda si aspetta adesso che il costo dei prodotti diventi del 20% più elevato nella seconda parte dell'anno. Fatto che comporterà un notevole aumento dei prezzi dei beni al consumatore finale, vale a dire sugli scaffali dei negozi. Di conseguenza, il gruppo ha rivisto le sue previsioni per l'esercizio fiscale 2011. I guadagni per azione si collocheranno fra gli 1,40 e gli 1,50 dollari". Le previsioni date al momento della chiusura dell'esercizio precedente stimavano guadagni sugli 1,88 e 1,93 dollari per azione.

La sanzione comminata venerdì al gruppo dalla Borsa di New York è stata esemplare. L’azione Gap Inc. perdeva il 17% all'apertura. Perché, ciò che il mercato detesta ancora più delle cattive notizie, sono le cattive notizie non previste. Non è affatto certo che gli annunci di cambiamenti organizzativi e operativi, così come la creazione di un Global Creative Center a New York e di una divisione internazionale con sede a Londra, possano essere sufficienti a ridare fiducia agli investitori.

Olivier Guyot (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.