×
1 472
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Global CRM Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
BENEPIU' SRL
Produzione -Qualita'
Tempo Indeterminato · CARPI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Di
AFP
Pubblicato il
10 mar 2011
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Galliano non sarebbe razzista secondo il suo accusatore

Di
AFP
Pubblicato il
10 mar 2011

L’uomo che ha fatto causa a John Galliano per i suoi attacchi antisemiti dichiara, in un'intervista al Parisien, di «non credere» che lo stilista sia «razzista» o «antisemita» e "di non volere che l’ex-direttore artistico di Dior venga distrutto in questo modo».

John Galliano
John Galliano


Quest’uomo, di nome Philippe, conferma che lo stilista ha avuto queste uscite antisemite durante un diverbio in un caffè parigino a febbraio, ma si dice persuaso che fossero parole dette senza pensarci. «Io non credo che sia razzista, nè antisemita» aggiunge. «Dall’inizio di questa vicenda mi sono informato sul suo lavoro, ho visto che ha sempre sottolineato le differenze e che mescolava le culture nei suoi defilé. Credo soprattutto che sia molto malato e che per lui si trattasse semplicemente di una provocazione". L’uomo dichiara di «non avere altra scelta» che mantenere la denuncia, dato che la macchina giudiziaria è già in moto. «Ma c’è un tale accanimento mediatico su questa storia, quando per me si è trattato solo di un diverbio in un bar e John Galliano non merita questo. Non voglio che lo si distrugga così» conclude.

John Galliano dovrà comparire per insulti razzisti nel secondo trimestre del 2011 davanti al tribunale di Parigi, in seguito a un diverbio con una coppia in un caffè alla moda del quartiere parigino del Marais. Interrogato in stato d’ebrezza, è accusato di aver proferito propositi razzisti e antisemiti. Lo stilista nega i fatti e ha fatto causa a sua volta, per diffamazione, ma ha tuttavia presentato le sue scuse. La maison Dior l’ha licenziato in seguito a questa vicenda e Galliano ora rischia 6 mesi di prigione e 22.500 di euro di multa.

Copyright © 2023 AFP. Tutti i diritti riservati.