×
1 173
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
14 gen 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Galeries Lafayette: licenziato il comitato esecutivo del ramo grandi magazzini

Pubblicato il
14 gen 2014

Si può voler comprare i grandi magazzini Printemps a Parigi o House of Fraser nel Regno Unito e nello stesso tempo non sentirsi a proprio agio tra le mura domestiche.

Nicolas Houzé


In questo senso, la notizia pubblicata da “Les Echos” del 13 gennaio sul licenziamento di tutto il comitato esecutivo del ramo grandi magazzini delle Galeries Lafayette lascia poco spazio al dubbio.

Si tratta di una scelta attuata in modo brutale, ma attesa, dopo l'arrivo di Nicolas Houzé, figlio di Philippe Houzé, presidente del gruppo, alla testa della divisione grandi magazzini.

Questi aveva sostituito Paul Delaoutre, anche in quel caso in maniera alquanto improvvisa. Allo stesso modo, la nomina come direttrice della moda di Averyl Oates, ex direttrice degli acquisti di Harvey Nichols, aveva ancora una volta suscitato interrogativi sul futuro del team che lavorava sotto Paul Delaoutre.

Sentitosi minacciato, perché numero due della divisione, Michel Roulleau, vicedirettore generale, era dato sul piede di partenza da molti mesi, salvo che, secondo molti attori del settore, questi è un peso massimo del gruppo, e sarebbe il solo a conoscere i boss del lusso.

«Michel Roulleau è il solo oggi a poter pranzare con Bernard Arnault», ci aveva confidato un fine conoscitore del mondo del lusso dopo la partenza di Paul Delaoutre. E quindi sarebbe l'unico sopravvissuto del comitato esecutivo. Secondo “Les Echos”, gli è stato proposto un incarico di consigliere del presidente…

«Gli altri sono stati invitati a lasciare il più presto possibile», sempre secondo “Les Echos”: Christophe Cann, vicedirettore generale vendite ed estero, Anne-Marie Gaultier-Dreyfus, direttrice del marketing, che ha guidato la campagna di rilancio del BHV-Marais, Jean-Yves Rémond, direttore delle risorse umane, Laurent Singer, direttore dei sistemi informativi.

“Les Echos” menziona anche il probabile arrivo come responsabile dell'immagine del fratello di Nicolas Houzé, Guillaume, oggi presidente della fondazione dell'azienda Galeries Lafayette.

Una sorta di consiglio direttivo familiare che si interroghi circa la situazione delle Galeries e sugli obiettivi per il futuro.

Il gruppo si è dotato di un buon paracadute finanziario, dopo la cessione delle sue quote in Monoprix. Ma varie voci dicono che in azienda si starebbe sempre più prendendo in considerazione la convenienza di una possibile vendita, fra gli altri, del flagship di boulevard Haussmann. Puntando soprattutto su una sorta di posizionamento mass market del grande magazzino, l'azienda sarebbe stata presa in contropiede dai cambiamenti nei gusti e dagli arbitrati richiesti dalla clientela di turisti.

Si dice anche, qua e là, che la società sarebbe stata destabilizzata dal posto preso (o ripreso) dai Printemps, che inaugurano questa settimana un negozio atipico e molto valorizzante al Carrousel du Louvre.

Questi nuovi fatti dovrebbero portare a rinsaldare i legami familiari, in un gruppo in cui i vincoli di sangue sono sempre stati molto forti. Rimane da sapere se lo saranno per il meglio o per il peggio.

Jean-Paul Leroy (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.