×
1 272
Fashion Jobs
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
6 giu 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

G-III continua la sua crescita a due cifre nel primo trimestre

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
6 giu 2018

Il gruppo newyorchese G-III, che controlla i marchi DKNY, Donna Karan e Vilebrequin, e dispone di diverse licenze produttive e distributive, tra le quali quelle di Calvin Klein e Tommy Hilfiger, ha visto crescere le vendite del 16% nel primo trimestre dell’esercizio 2018/19. Il suo fatturato ha raggiunto, nel periodo chiuso il 30 aprile scorso, il record di 611,7 milioni di dollari (522 milioni di euro), contro i 529 milioni di dollari di un anno prima.

Il gruppo G-III è in attivo nei primi tre mesi dell'esercizio 2018 - Instagram: @DKNY


Conseguenza di queste buone vendite, l’utile netto del gruppo è arrivato a 9,9 milioni di dollari (8,4 milioni di euro) nel periodo, mentre G-III accusava una perdita di 10,4 milioni di dollari al termine del primo trimestre dell’esercizio precedente.
 
“Siamo lieti di aver iniziato l'anno con un trimestre di successo per l'intero gruppo”, si è rallegrato il CEO Morris Goldfarb. “Speriamo che questo slancio continui e siamo fiduciosi per il resto dell'anno. Crediamo che le nostre opportunità di crescita a lungo termine non siano mai state così numerose e restiamo concentrati sul miglioramento della nostra quota di mercato e sull'accelerazione della nostra crescita e della redditività, per creare valore per i nostri azionisti”.

G-III ha comprato Donna Karan International – e i suoi marchi Donna Karan e DKNY - da LVMH nel 2016 per 650 milioni di dollari (554,6 milioni di euro) e da allora ha registrato una crescita ininterrotta delle vendite.
 
Nel corso dell’esercizio fiscale 2017/18, chiuso il 31 gennaio socrso, l’azienda aveva mostrato un incremento delle vendite del 17,6%, a 2,81 miliardi di dollari (2,39 miliardi di euro), con 258 milioni di dollari ottenuti grazie a Donna Karan e DKNY. Il gruppo aveva chiuso con un utile netto di 62,1 milioni di dollari (53 milioni di euro).
 
Un evento inaspettato aveva tuttavia minacciato gli affari del gruppo lo scorso ottobre, quando le controverse esternazioni di Donna Karan a sostegno del produttore cinematografico Harvey Weinstein coinvolto nel ben noto scandalo sessuale avevano portato alla creazione dell’hashtag #BoycottDonnaKaran sulle reti sociali, facendo calare del 4% il valore delle azioni di G-III, sebbene oggi Donna Karan non abbia più nessun legame diretto con il marchio che porta il suo nome.
 
L'episodio non sembra aver avuto un impatto duraturo sugli affari del gruppo di New York, che ha rivisto al rialzo le sue previsioni annuali. G-III punta ad ottenere nell’esercizio in corso un fatturato di 2,97 miliardi di dollari (2,52 miliardi di euro) e un utile netto compreso tra i 112 e i 117 milioni di dollari (tra 95 e 99 milioni di euro).
 
Per il secondo trimestre dell’esercizio 2018/19, G-III punta su vendite vicine ai 590 milioni di dollari (501 milioni di euro), con un utile o una perdita compresi tra i -3,5 milioni di dollari e i +1,5 milioni di dollari.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.