×
1 160
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
RANDSTAD ITALIA
Art Director - Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Trademark Attorney
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
E-Commerce Specialist - Settore Fashion &Amp; Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
ESSE-M STUDIO
Plant Quality Manager Settore Tessile
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
Logistic Manager
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
HR Organization Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
DEDAR
Trade Marketing Manager
Tempo Indeterminato · APPIANO GENTILE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Health & Safety Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
TAKE OFF
Buying Account Manager (Off-Price Fashion)
Tempo Indeterminato · GEZIRA
CONFIDENZIALE
Amministrazione
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Senior Creative Strategist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Product Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Ready to Wear Uomo Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Beauty Advisor Sud Italia
Tempo Indeterminato · CATANZARO
CONFIDENTIAL
Sap Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
THE THIN LINE LANZAROTE
Responsabile Marketing
Tempo Indeterminato · TÍAS
CONFIDENTIAL
Impiegato IT/Commerciale
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Manager Estero - Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB
sr Europe Retail Buyer - Female Denim & Apparel
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
11 set 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

G-III Apparel: una crescita sostenuta dall'acquisizione di Donna Karan

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
11 set 2017

Per il secondo trimestre consecutivo, G-III Apparel Group ha reso nota una crescita in doppia cifra. La casa madre di Donna Karan ha visto aumentare del 21,6% le vendite nette del secondo trimestre 2017, a 538 milioni di dollari.

DKNY


Tra questi 538 milioni di vendite nette registrati nel secondo trimestre, 45 milioni sono stati ottenuti grazie ai marchi Donna Karan e DKNY, che G-III ha comprato nel 2016. Questo risultato fa seguito al +16% nelle vendite del primo trimestre 2017 (vendite nette che allora furono di 529 milioni di dollari). Il portafoglio marchi del gruppo comprende anche G. H. Bass, Andrew Marc, Marc New York e Jessica Howard, oltre alle licenze operate per altri marchi come Calvin Klein, Tommy Hilfiger, Karl Lagerfeld Paris, Kenneth Cole e Ivanka Trump.
 
Di conseguenza, la società ha rivisto al rialzo le proprie previsioni per l’esercizio fiscale nel suo complesso. G-III spera adesso che i suoi ricavi annuali raggiungano i 2,8 miliardi di dollari, contro i 2,76 miliardi delle stime precedenti, e prevede che le vendite nette del terzo trimestre arrivino a 1,03 miliardi di dollari.

Nel 2016, G-III aveva comprato i marchi Donna Karan e DKNY per 650 milioni di dollari dal gruppo LVMH, che li controllava dal 2001. Al momento dell’acquisto, i dirigenti di LVMH descrivevano i due brand, la cui fascia di prezzo è relativamente meno elevata, come una branca di scarsa utilità per il resto del gruppo, che ha deciso di concentrare tutte le sue energie su marchi di lusso come Louis Vuitton o Givenchy.
 
Eppure l’esercizio era iniziato male per G-III, che ha dovuto affrontare una controversia all'inizio di quest’anno, quando si era scoperto che alcuni articoli della gamma di vestiti di Ivanka Trump erano stati tranquillamente venduti sotto un'altra etichetta. La società aveva venduto tali prodotti con il marchio “Adrienne Vittadini Studio” alla catena di grandi magazzini a prezzi scontati Stein Mart, senza che la figlia del presidente statunitense ne fosse informata. In aprile, G-III si era scusato e aveva affermato che le vendite del marchio Ivanka Trump erano buone, nonostante i legami del gruppo con l'amministrazione Trump.
 
Subito dopo i risultati del secondo trimestre, G-III ha annunciato l’intenzione di ridurre i propri costi operativi chiudendo alcuni negozi. In piena evoluzione, G-III prevede costi transitori per circa 8 milioni di dollari derivanti dall’acquisizione di Donna Karan. La società attribuisce anche la perdita netta di 8,6 milioni di dollari del secondo trimestre, molto più elevata degli 1,3 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso, alla medesima transazione.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.