×
1 559
Fashion Jobs
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 giu 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

G-III Apparel alza le sue previsioni per l'anno 2017/18

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 giu 2017

Il gruppo mostra vendite record nel primo trimestre chiuso a fine aprile, con una progressione del fatturato del 16%, a 529 milioni di dollari. Il tutto riuscendo a mantenere le sue perdite sotto le previsioni, nonostante i costi legati all’acquisto di Donna Karan.

DKNY


G-III Apparel ha quindi ottenuto nel periodo dei primi 3 mesi d’esercizio una perdita di 10,4 milioni di dollari, contro il guadagno di 2,8 milioni di dollari ottenuto nel primo trimestre dell’esercizio precedente. Non si tratta di una sorpresa, perché l’utile netto dell’esercizio chiuso a fine gennaio mostra un calo da 114 a 51 milioni di dollari, principalmente causato dall’acquisto nell’estate del 2016 di Donna Karan International.
 
“La nostra attività all’ingrosso continua a crescere dimostrando la capacità del nostro portafoglio di marchi di trascendere un contesto di mercato difficile e di conservare una posizione di leader come uno dei fornitori più performanti per i nostri clienti al dettaglio”, si rallegra il CEO Morris Goldfarb. “A compensazione della nostra forte performance nel commercio all'ingrosso, abbiamo però risentito delle perdite, peraltro attese, registrate nei nostri negozi al dettaglio e per lo sviluppo dell’attività di Donna Karan”.

G-III rivede così al rialzo le sue previsioni per l'anno in corso, puntando adesso su 2,76 miliardi di dollari di vendite nette e su un fatturato compreso tra i 52 e i 57 milioni di dollari.
 
Nell’agosto del 2016, G-III Apparel si era dato l’obiettivo di raggiungere i 5 miliardi di vendite entro un periodo di 5 anni. Un obiettivo molto dettagliato, in quanto il gruppo ha indicato che il business di Donna Karan e le licenze di Tommy Hilfiger dovrebbero generare ciascuna vendite per un miliardo di dollari, mentre le licenze Calvin Klein e Karl Lagerfeld dovranno generare rispettivamente 1,5 miliardi e 500 milioni di euro di vendite.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.