×
739
Fashion Jobs
OFF-WHITE C/O VIRGIL ABLOH
Franchising Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Network & Security Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
CONFIDENZIALE
Sistemista IT
Tempo Indeterminato · LUGANO
NEIL BARRETT
IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM
Digital Media Manager
Tempo Indeterminato · GALLARATE
FOURCORNERS
Product Marketing Manager - Fragranze
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Logistic And Customer Service Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Developer
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Commerciale Senior
Tempo Indeterminato · CREMONA
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Digital Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
SLOWEAR SPA
Retention Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Omnichannel Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CWF - CHILDREN WORLDWIDE FASHION
Wholesale Coordinator H/F
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Creative & Product Director
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Buyer Rtw Woman
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 giu 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

G-III Apparel alza le sue previsioni per l'anno 2017/18

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 giu 2017

Il gruppo mostra vendite record nel primo trimestre chiuso a fine aprile, con una progressione del fatturato del 16%, a 529 milioni di dollari. Il tutto riuscendo a mantenere le sue perdite sotto le previsioni, nonostante i costi legati all’acquisto di Donna Karan.

DKNY


G-III Apparel ha quindi ottenuto nel periodo dei primi 3 mesi d’esercizio una perdita di 10,4 milioni di dollari, contro il guadagno di 2,8 milioni di dollari ottenuto nel primo trimestre dell’esercizio precedente. Non si tratta di una sorpresa, perché l’utile netto dell’esercizio chiuso a fine gennaio mostra un calo da 114 a 51 milioni di dollari, principalmente causato dall’acquisto nell’estate del 2016 di Donna Karan International.
 
“La nostra attività all’ingrosso continua a crescere dimostrando la capacità del nostro portafoglio di marchi di trascendere un contesto di mercato difficile e di conservare una posizione di leader come uno dei fornitori più performanti per i nostri clienti al dettaglio”, si rallegra il CEO Morris Goldfarb. “A compensazione della nostra forte performance nel commercio all'ingrosso, abbiamo però risentito delle perdite, peraltro attese, registrate nei nostri negozi al dettaglio e per lo sviluppo dell’attività di Donna Karan”.

G-III rivede così al rialzo le sue previsioni per l'anno in corso, puntando adesso su 2,76 miliardi di dollari di vendite nette e su un fatturato compreso tra i 52 e i 57 milioni di dollari.
 
Nell’agosto del 2016, G-III Apparel si era dato l’obiettivo di raggiungere i 5 miliardi di vendite entro un periodo di 5 anni. Un obiettivo molto dettagliato, in quanto il gruppo ha indicato che il business di Donna Karan e le licenze di Tommy Hilfiger dovrebbero generare ciascuna vendite per un miliardo di dollari, mentre le licenze Calvin Klein e Karl Lagerfeld dovranno generare rispettivamente 1,5 miliardi e 500 milioni di euro di vendite.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.