×
1 551
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Credit Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Digital Acqusition Media Specialist Appartenente Alle Categorie Protette Legge 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Media Strategist, Native Content & Affiliates
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Responsabile Sviluppo Franchising - Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Talent Acquisition Partner
Tempo Indeterminato ·
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Export Area Manager- Russian Speaker
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Retail Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
International Wholesale Manager - Fragrances
Tempo Indeterminato · LUCCA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Emea CRM Coordinator & Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FENICIA SPA
Responsabile Acquisti Donna (Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
TRUSSARDI
General Accounting Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · TORINO
FOURCORNERS
CRM Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Paid Media Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Wholesale E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
AFP
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
30 mar 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Fosun (Lanvin): l’utile netto cresce del 28% nel 2017

Di
AFP
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
30 mar 2018

Fosun, il gigante cinese famoso per la sua smania di acquisizioni all’estero e proprietario del Club Med, ha annunciato una crescita del 28% del suo utile netto nel 2017, grazie a solide performance in ambito finanza e assicurazioni.

Lanvin - autunno/inverno 2018 - Womenswear - Parigi - © PixelFormula


Il gruppo, una delle più grandi aziende private cinesi, ha registrato lo scorso anno un utile netto di 13,16 miliardi di yuan (1,69 miliardi di euro), secondo un comunicato borsistico. Nel contempo, il giro d’affari è salito del 19%, attestandosi a 88 miliardi di yuan (11,3 miliardi di euro).
 
Alla testa di business eterogenei, che vanno dall’immobiliare alle assicurazioni, dall’entertainment alla siderurgia, Fosun si distingue per le sue ostinate incursioni all’estero. Il tentacolare conglomerato ha infatti annunciato a febbraio di aver preso il controllo dell’emblematica maison di moda francese Lanvin, alla quale intende ridare lustro. Lo stesso mese, Fosun ha concluso un accordo per acquisire la casa di intermediazione e gestione di attivi brasiliana Guide Investimentos, prima di annunciare l’acquisizione di una partecipazione maggioritaria dello specialista austriaco dei collant Wolford.

Anche se Pechino sta facendo la guerra agli investimenti “irrazionali” dei gruppi cinesi all’estero, spesso causa di massicci indebitamenti, Fosun sembra risparmiato dall’intransigenza delle autorità.
 
“Il gruppo si dimostra più disciplinato nell’allocazione del suo attivo”, mantenendo l’equilibrio tra gli investimenti (un centinaio di operazioni nel 2017) e le cessioni, ha spiegato la società in un comunicato. “Nel 2017 il gruppo ha rilevato una solida crescita delle sue attività centrali e successi nelle società acquisite” per rilanciarle, si legge inoltre nella nota, in cui si cita in particolare la società finanziaria tedesca Hauck & Aufhäuser, l’assicurazione portoghese Fideliade o ancora il Club Med.
 
Fosun ha messo le mani sullo specialista francese dei villaggi vacanze all’inizio del 2015, sviluppandone vigorosamente le attività in Cina, diventata “la prima fonte di clienti” di Club Med.
 
Ma le attività di Fosun nella finanza, nella gestione di attivi e nell’immobiliare hanno rappresentato lo scorso anno l’85% dell’utile netto, e circa il 60% dei ricavi.
 
Il gruppo cinese non nasconde il suo “appetito” per nuovi acquisti, dicendosi molto interessato in una partecipazione nella Compagnie des Alpes (ambito sciistico).
 
Al contrario dei conglomerati cinesi Wanda e HNA, in difficoltà e pesantemente indebitati, costretti da Pechino a moltiplicare le cessioni per migliorare i conti, Fosun ha smentito l’anno scorso di essere oggetto di un’inchiesta delle autorità e ha accolto le nuove regole relative agli investimenti all’estero.

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.