×
1 513
Fashion Jobs
AZIENDA LEADER NEL SETTORE LUXURY GOODS
Global Retail CRM Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MANDARINA DUCK
Ecommerce Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Espansionista Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Manovia Montaggio
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CMP CONSULTING
E-Commerce e Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · SAN GIOVANNI LA PUNTA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Moda
Tempo Indeterminato · PADOVA
RETAIL SEARCH SRL
Back Office Commerciale - Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Control Project Lead & Analyst
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta Human Resources Generalist (Creative Talents)
Tempo Indeterminato · MILANO
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato ·
JIMMY CHOO
Stock Controller
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
PVH ITALIA SRL
E-Commerce Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Facility & IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Vip Key Account Manager / Online Sales Associate
Tempo Indeterminato · LUGANO
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
18 lug 2016
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Fast Retailing: calo dell'utile netto del 46% nei primi 9 mesi dell'esercizio

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
18 lug 2016

Il gruppo giapponese di abbigliamento Fast Retailing ha registrato un calo del proprio utile netto del 46% al termine dei primi 9 mesi dell'esercizio 2015-16, a causa di un cattivo inizio d'anno in parte legato a degli errori strategici.

Uniqlo


Al termine dei mesi da settembre 2015 a maggio 2016, il gruppo ha registrato un guadagno netto di 71 miliardi di yen (617 milioni di euro), contro i 132,4 miliardi dello stesso periodo di un anno prima.

Oltre agli effetti dei cambi, Fast Retailing ha accusato un inizio d'anno negativo per il marchio Uniqlo, soprattutto in Giappone, a causa del tempo atmosferico capriccioso e di un incremento dei prezzi che ha smorzato le intenzioni dei clienti.

Il patron, Tadashi Yanai, ha riconosciuto di avere sottostimato la sensibilità dei clienti giapponesi all'incremento dei prezzi. Tuttavia, il terzo trimestre è stato migliore dei due precedenti, ha tenuto a sottolineare Fast Retailing.

Il fatturato complessivo del gruppo è progredito del 6,4%, a 1.434,6 miliardi di yen (12,5 miliardi di euro), trascinato dall'estensione della sua rete di negozi all'estero.

L'utile operativo è però crollato del 23%, a 145,83 miliardi di yen, in ragione, fra le altre cose, dell'aumento delle spese, sostenute per dare nuovo slancio alle vendite.

Il business di Uniqlo in Giappone ha totalizzato ricavi in aumento dell'1,1%, ma l'utile operativo correlato è diminuito del 18,1%. Il dato “ha ricominciato a crescere negli ultimi tre mesi del periodo preso in considerazione”, secondo il gruppo, che spiega di aver ottenuto dei buoni risultati con le sue linee estive e con le vendite online, in questo periodo.

Il gruppo gestisce 846 negozi Uniqlo nell'arcipelago. All'estero, il marchio di vestiti basic conta ormai 928 boutique (161 in più di un anno prima). Le vendite totali nei suoi negozi sono aumentate del 10,6%, a 523,8 miliardi di yen, grazie all'estensione della rete, ma questo non è stato sufficiente a scongiurare il crollo del 18,7% dell'utile operativo corrispondente, a causa di una perdita operativa negli USA e del calo della redditività in Corea del Sud. Anche in questo caso, il terzo trimestre ha invertito questa tendenza, ed è andato molto meglio, sottolinea Fast Retailing.

Il quadro è invece totalmente positivo sul versante degli altri marchi del gruppo (tra i quali Comptoir des Cotonniers, Theory, J Brand, ecc.). Il loro fatturato totale è aumentato del 12,6%, e l'utile operativo del 16,5%, in un anno.

Il gruppo di Tadashi Yanai ha infine rivisto verso il basso per la terza volta consecutiva le sue stime annue dell'utile netto.

Di certo, il gruppo si aspetta ancora di ottenere un fatturato in crescita del 7% annuo, a 1.800 miliardi di yen, e un calo del risultato operativo pari al 27% al termine dell'esercizio annuale, a 120 miliardi di yen, ma il suo utile netto dovrebbe crollare a 45 miliardi di yen, contro i 60 miliardi precedentemente attesi.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.