×
1 604
Fashion Jobs
LABO INTERNATIONAL
Export Business Development Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Manager - Lombardia e Sicilia
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
CRM Specialist
Tempo Indeterminato · RIMINI
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Compliance And Testing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
ww Distribution Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Project Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Digital Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
MANPOWER PROFESSIONAL
Expansion Manager Franchising
Tempo Indeterminato · CESENA
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · SALERNO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Pubblicità
Di
AFP
Pubblicato il
4 mar 2016
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Fashion Week: uno studio prende posizione a favore del “vedi e compra”

Di
AFP
Pubblicato il
4 mar 2016

Uno studio commissionato dall'organo di rappresentanza del settore della moda negli Stati Uniti (il CFDA) al Boston Consulting Group propone di modificare in modo significativo la Settimana della Moda, soprattutto attraverso la presentazione di vestiti immediatamente disponibili alla vendita.

Burberry - autunno-inverno 2016/17 - Womenswear - Londra - © PixelFormula


Il Council of Fashion Designers of America (CFDA) non si schiera, limitandosi a sottolineare che la sensazione generale dei professionisti intervistati è che "il momento è favorevole per operare dei cambiamenti".

Lo studio suggerisce di presentare le collezioni durante la stagione corrispondente e di porre fine all'intervallo di sei mesi attualmente in vigore (la primavera presentata in autunno).

Il BCG propone anche di mostrare, nel corso della Fashion Week o subito dopo, dei vestiti che siano immediatamente disponibili alla vendita.

Non è altro che la conferma di una tendenza diventata significativa nel corso dell'ultima Settimana della Moda di New York, conclusasi a metà febbraio.

Rebecca Minkoff, Tommy Hilfiger, Burberry, Tom Ford, Diane von Furstenberg, Michael Kors, Proenza Schouler, Tory Burch, Paco Rabanne e Courrèges hanno annunciato che si stanno muovendo in questa direzione.

Questo mutamento è generato principalmente dal fatto che ormai le sfilate sono diventate eventi pubblici. Gli stessi brand ormai accettano che le loro presentazioni siano filmate e ampiamente trasmesse su Internet.

Questa esposizione mediatica e questo nuovo interesse fino ad oggi non potevano essere convertiti in vendite, perché le collezioni non erano disponibili prima di molti mesi.

Secondo il nuovo modello menzionato dallo studio, la collezione sarebbe sempre preparata con sei mesi di anticipo, ma presentata in maniera confidenziale unicamente ai buyer e ad alcuni media, per essere poi rivelata alla stampa e al grande pubblico solo 6 mesi più tardi.

I tempi di produzione non sarebbero quindi ridotti.

Questo nuovo modo di procedere permetterebbe anche di evitare che i giganti del prêt-à-porter a basso prezzo, della cosiddetta fast fashion, non riescano ad arrivare a proporre dei vestiti ispirati a quelli delle sfilate prima ancora che le collezioni arrivino effettivamente sul mercato.

Tuttavia, lo studio avverte che l'obiettivo non è e non deve essere quello di fare della Fashion Week un evento puramente commerciale e di marketing.

La maggioranza degli intervistati non è favorevole all'apertura delle sfilate al pubblico di massa e ritiene che non tutti i vestiti debbano essere obbligatoriamente resi disponibili per la vendita.

Senza impegnarsi, il CFDA precisa che "incoraggerà gli stilisti a provare dei nuovi concept".

Il passaggio verso l'immediata disponibilità degli abiti presentati durante le sfilate sta suscitando forti reticenze in Europa.

In modo particolare, vi si sono opposti la Fédération Française de la Couture, organizzatrice della Fashion Week di Parigi, e la sua omologa italiana CNMI (Camera Nazionale della Moda Italiana), in nome della creatività.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.