×
1 335
Fashion Jobs
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
AFP
Pubblicato il
26 ago 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Estée Lauder vede calare del 10% l'utile netto

Di
AFP
Pubblicato il
26 ago 2015

Il gruppo statunitense di profumi e cosmetici Estée Lauder ha visto calare l'utile netto annuo del 10%, a 1,089 miliardi di dollari, e ha reso noto di prevedere un utile per azione inferiore alle aspettative per il primo trimestre dell'esercizio in corso.


Secondo un comunicato finanziario pubblicato giorni fa sul proprio esercizio annuale 2015 scalato e completato in giugno, Estée Lauder ha ottenuto un calo del giro d'affari nell'anno pari al 2%, a 10,78 miliardi di dollari, al di sotto delle stime degli analisti, che si attendevano 10,83 miliardi di dollari.

Per i tre mesi in corso, Estée Lauder prevede di raggiungere un utile netto per azione compreso fra i 75 e i 78 centesimi, al di sotto delle aspettative, che erano di 81 centesimi. Sulla totalità dell'esercizio, il gruppo si aspetta comunque di veder crescere il fatturato dal 6 all'8% a divise costanti, con una progressione in doppia cifra dell'utile per azione, che dovrebbe essere tra i 3,10 e i 3,17 dollari, situandosi quindi al di sotto delle aspettative di 3,28 dollari.

Nel corso dell'ultimo anno, l'utile per azione ha raggiunto i 2,82 dollari, al di sopra delle aspettative che erano di 2,78 dollari. Solo nel 4° trimestre, è stato di 40 centesimi per azione, su aspettative di 34 centesimi.

Nel 4° trimestre, il fatturato è diminuito del 7,4%, a 2,524 miliardi di dollari, e l'utile netto del 40%, à 153,8 milioni di dollari.

Il gruppo ha tuttavia precisato che la comparazione sull'anno è falsata dal fatto che che nel quarto trimestre del 2014 alcuni dei dettaglianti più importanti avevano effettuato degli ordini in anticipo, i quali altrimenti sarebbero stati a carico del primo trimestre 2015. Senza questa incidenza, le vendite sarebbero cresciute del 7% nell'ultimo trimestre.

Per settore, i prodotti per la cura per la pelle hanno visto calare le vendite sull'anno del 6%, quelle dei prodotti per il trucco sono cresciute del 2%, i profumi sono calati dell'1%, i prodotti per capelli hanno visto aumentare le vendite del 3% e gli altri prodotti del 4%.

Per zona geografica, gli Stati Uniti hanno visto calare le vendite dell'1%, l'Europa/Medio Oriente/Africa del 2%, e l'Asia-Pacifico del 2%.

Il CEO del gruppo, Fabrizio Freda, nel corso di una conferenza telefonica con gli analisti finanziari, ha comunque sottolineato che i mercati emergenti, ad esclusione della Cina, rappresentano ora il 14% del fatturato e che in essi la crescita delle vendite è stata del 26%, soprattutto in Brasile, Russia e Turchia, e inoltre del 6% proprio in Cina. Tuttavia, Freda ha indicato che le variazioni nei corsi delle valute hanno creato delle modifiche nelle abitudini d'acquisto.

Le vendite hanno anche sofferto della prolungata debolezza dell'economia a Hong Kong, che ha fatto diminuire le spese sostenute dai turisti cinesi con redditi alti, ma anche del rallentamento della crescita nella Cina Continentale, che ha comportato un calo delle visite sull'isola di Macao. «C'è stato anche un minor numero di turisti ad alto reddito di Cina, Brasile e Russia che hanno viaggiato», ha detto Freda.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.