×
1 035
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CONFIDENZIALE
Country Sales Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
RETAIL SEARCH SRL
Responsabile Produzione - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
BENETTON GROUP SRL
Sap Analyst
Tempo Indeterminato · TREVISO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
26 mar 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

È sfida tra Cina e società occidentali, dopo H&M boicotta Nike e altri brand

Di
Ansa
Pubblicato il
26 mar 2021

Cresce la mobilitazione in Cina contro i brand occidentali: dai netizen ai media statali, dalle celebrità alle compagnie hi-tech, la chiamata al boicottaggio di abbigliamento e scarpe di società come H&M e Nike, colpevoli di essersi 'disimpegnate' dallo Xinjiang e dal suo cotone dopo le accuse sui lavori forzati per la produzione, si sta trasformando in uno tsunami. 


La tv statale cinese Cctv ha invitato al boicottaggio contro H&M, in linea con il post virale di mercoledì su Weibo della Lega della Gioventù Comunista, nel mezzo di un'escalation che ha preso di mira altri marchi stranieri molto popolari dopo le sanzioni decise lunedì da Usa, Ue, Gb e Canada contro i funzionari cinesi accusati di violazioni dei diritti umani nello Xinjiang a danno di uiguri e altre minoranze musulmane.

Il Global Times ha anche criticato le "dichiarazioni taglienti" di Burberry, Adidas, Nike, New Balance e Zara, diffuse mesi fa per prendere le distanze da situazioni critiche che Pechino ha sempre negato esserci nello Xinjiang, che produce il 20% del cotone mondiale. "Per queste imprese la risposta è molto chiara: non comprare!", ha scritto la Cctv sui social media, lanciando un messaggio secco e diretto. Secondo ricercatori e governi stranieri, più di un milione di persone nella regione cinese del nordovest, in gran parte di gruppi etnici di fede musulmana, sono state confinate nei campi di lavoro che, secondo Pechino, sono invece uno strumento di promozione dello sviluppo economico e sociale, nonché di lotta a estremismo, radicalismo e terrorismo. I cinesi hanno "il diritto di esprimere i propri sentimenti. Non accettano che le società straniere da un lato guadagnino denaro da loro e dall'altro diffamino la Cina. Rifiutare il cotone dello Xinjiang, tra i migliori al mondo, è una perdita per i marchi", ha commentato la portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying. 

"La cosiddetta esistenza del lavoro forzato nello Xinjiang è totalmente fasulla", ha aggiunto Gao Feng, portavoce del ministero del Commercio, che in conferenza stampa ha invitato le società straniere a "correggere le pratiche sbagliate" e a evitare di politicizzare le questioni commerciali, aggiungendo che "l'impeccabile cotone dello Xinjiang non consente di screditarlo e di contaminarlo". 

Oltre una trentina di celebrità, tra cui Wang Yibo, popolare cantante e attore, ha annunciato lo stop ai contratti con H&M e Nike. La Cina è il quarto mercato di riferimento del colosso svedese con 520 negozi, secondi per numero solo ai 593 degli Usa: i suoi shop sono spariti dalle mappe del motore di ricerca Baidu e dalle app degli smartphone locali, mentre i prodotti sono introvabili sulle piattaforme di e-commerce, come JD.com, Taobao e Pinduoduo. E nel flagship di Sanlitun, uno dei quartieri dello shopping di Pechino, c'era ben poca gente rispetto al solito nel primissimo pomeriggio, quasi tutti stranieri. 

Anche per Nike, icona dell'abbigliamento sportivo che ha in Cina il 23% dei suoi ricavi, gli scenari si sono complicati: la dichiarazione in cui assicurava di non rifornirsi di "materiale tessile" dello Xinjiang è stata ripresa e rilanciata, tanto da costare al titolo un tonfo del 5% a Wall Street. Su Internet sono apparsi video di scarpe bruciate e appelli ai team delle nazionali cinesi di chiudere le sponsorizzazioni con la società Usa. Lo Shanghai Shenhua, team di Seria A del calcio cinese, ha postato le foto degli allenamenti senza il logo Nike sulle divise. Anche Zara, che aveva deciso un "approccio di tolleranza zero nei confronti del lavoro forzato", è finita sotto pressione, mentre i netizen hanno preso di mira altri marchi dell'abbigliamento, come la nipponica Uniqlo e l'americana Gap, tra i possibili autori di attacchi allo Xinjiang. 

"Le aziende occidentali devono riconsiderare come trovare un equilibrio tra la Cina e l'Occidente", ha ammonito su Twitter il direttore del tabloid nazionalista Global Times, Hu Xijin. "I loro Paesi non dovrebbero dar loro troppa pressione e spingerli fuori dallo spazio di sopravvivenza. La Cina è aperta agli investimenti stranieri, purché siano rispettate le sue condizioni", ha ammonito Hu.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.