×
1 007
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CONFIDENZIALE
Country Sales Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
RETAIL SEARCH SRL
Responsabile Produzione - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
BENETTON GROUP SRL
Sap Analyst
Tempo Indeterminato · TREVISO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
Controller
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CANALI
Analista Programmatore Erp Dynamics ax
Tempo Indeterminato · SOVICO
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
25 lug 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Dolce & Gabbana, ancora guai: Peter Fonda li denuncia per la t-shirt "Easy Rider"

Di
Ansa
Pubblicato il
25 lug 2013

Arrivano dall'America nuovi guai per Domenico Dolce e Stefano Gabbana: a denunciare i due stilisti - già da settimane alle prese con una serie di polemiche per una condanna in primo grado per evasione fiscale - arriva ora l'attore Peter Fonda, che li cita in giudizio per aver usato la sua immagine senza aver chiesto l'autorizzazione.

Domenico Dolce e Stefano Gabbana - Foto Apcom


Oggetto del contendere: ben nove diverse magliette con le foto in bianco e nero del volto di Fonda nel ruolo di motociclista del film-cult del 1969 "Easy Rider", messe in vendita negli USA sotto il marchio della casa di moda D&G, a 295 dollari l'una.

Nella citazione per danni è finito anche il grande magazzino di lusso americano Nordstrom, che ha l'esclusiva negli USA delle magliette in questione. Già candidato all'Oscar, 73 anni, Peter Fonda chiede almeno sei milioni di dollari per i danni subiti, oltre al rimborso di spese legali e a tutti i profitti ottenuti nella vendita delle t-shirt incriminate.

Fonda ha dichiarato di aver sofferto a causa dell'uso del suo volto sulle magliette "danni alla sua pace interiore, felicità, benessere, reputazione, nonché una perdita di valore di mercato presente e futuro per la sua immagine".

Nella citazione i legali dell'attore precisano che "gli accusati non hanno mai chiesto all'attore il permesso di usare il suo nome, la sua immagine per scopi commerciali sulla t-shirt o alcun altro capo di abbigliamento".

Peter Fonda è stato autore, produttore e protagonista del film "Easy Rider". I dirigenti di Nordstrom hanno confermato che sono "a conoscenza della citazione" e stanno "determinando i passi futuri con i vari venditori". Al momento comunque, le magliette sono sparite dai cataloghi online.

Dal canto loro, Dolce&Gabbana non sono a conoscenza dell'azione legale intrapresa da Peter Henry Fonda nei loro confronti, come si legge in una nota diffusa il 24 luglio dal gruppo.

Nel comunicato stampa si legge che "la notizia è stata appresa dai mezzi di informazione", che "nessun atto è stato notificato" al gruppo e, di conseguenza, che la società è "all'oscuro dei termini di tale contestazione". Tuttavia, Dolce&Gabbana hanno voluto precisare che il progetto delle 'Icon T-shirt' è nato "grazie a un contratto di licenza, attraverso il quale si è potuto acquisire i diritti di una selezione di immagini tratte dal film in oggetto".

"Il contratto - si legge ancora nella nota - è stato stipulato in data 15 luglio 2011 con la Sony Pictures Consumer Products Inc., agente della Columbia Pictures Industries Inc., società che ha garantito di essere titolare di tutti i diritti di concessione di tali immagini".

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Altro
People