×
1 501
Fashion Jobs
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Stock Operations _ Luxury Boutique _ Padova
Tempo Indeterminato · PADOVA
STELLA MCCARTNEY
Customer Service Representative (Sostituzione Maternità) / Anche Art.1 l. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Tecnico Qualità Industrializzazione Rtw
Tempo Indeterminato · NOVARA
247 SHOWROOM
Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Client Experience And Partnership Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Responsabile Contabilità Fornitori
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Brand Manager Eyewear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Digital Solutions Lead
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Customer Service Specialist - Armani Casa
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Tax Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Client Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ALBISETTI INDUSTRIES
Addetto Ufficio Produzione ed Avanzamento
Tempo Indeterminato · LURATE CACCIVIO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor - Wellbeing Beauty Brand - Area Triveneto
Tempo Indeterminato · PADOVA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor - Wellbeing Beauty Brand - Area Triveneto
Tempo Indeterminato · VENEZIA
FOURCORNERS
Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MOTEL409
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Pubblicato il
7 giu 2011
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Denim by PV: l’eco-design è inevitabile

Pubblicato il
7 giu 2011

I giorni 25 e 26 maggio, il salone Denim by Première Vision ha mostrato nuovamente il volto di un'industria del jeans che mette in primo piano le sue credenziali ambientali. Il salone dedicato alla parte primaria della filiera aveva infatti sposato il principio dell'eco-sostenibilità, trasformando l'ingresso della Halle Freyssinet (Parigi XIII arrondissement) in un labirinto verdeggiante per presentare le novità del green-denim. Il luogo dell'eco-design che affronta la creatività del denim è stato inoltre al centro di un dibattito organizzato fra diverse personalità del settore. E se la necessità di un'evoluzione dei processi produttivi sembra da tutti condivisa, le sue modalità restano da definire.

Denim by PV
Marco Lucietti (Isko), Enrique Silla (Jeanologia), Alberto Candiani (Candiani), Adriano Goldschmied (Diesel), François Girbaud (Marithé François Girbaud),
Neil Bell (Levi's) e Samy Bziou (Denim Authority)

Per François Girbaud, icona francese del settore, la questione non è di sapere se un'evoluzione sia possibile. "Ancora pochi anni fa non pensavamo di poter risparmiare acqua. E tuttavia, con le nuove tecnologie, oggi è sufficiente investire [per poterci riuscire]", spiega il transalpino. Gli investimenti che si dovranno sostenere fanno però temere a molti che possa avvenire una riduzione dei margini, già colpiti dalla crisi. Ma se il denim evolve verso una maggiore eco-responsabilità, i clienti saranno pronti ad accettare in nome dell'ambiente un aumento dei prezzi? Le opinioni divergono.

Per Neil Bell, sviluppatore per il marchio Levi’s, la risposta propende verso il sì. "Noi pensiamo che il consumatore cerchi prima di tutto un prezzo equo", puntualizza l'esperto, sottolineando contestualmente l'evoluzione che sta avvenendo nella mentalità delle persone. "Le prossime generazioni saranno certamente più pronte e approfondite nel loro impegno ambientale, ma la generazione attuale rimane concentrata sul prezzo". Per Adriano Goldschmied, un aumento dei prezzi al contrario non è concepibile. "Il consumatore non è pronto a pagare di più, sta dunque a noi fare cose migliori, lavorare in modo diverso per garantire la nostra redditività", spiega, sottolineando lo sviluppo di nuovi prodotti e di nuovi procedimenti, come il laser, che giudica "molto promettente".

Un parere evidentemente condiviso da Enrique Silla, presidente di Jeanologia, che concepisce e realizza dei progetti di trattamenti al laser e all'ozono. "Alla fine, il solo mezzo per produrre denaro è di creare un prodotto più bello, sexy, solido…", spiega quest'ultimo, sottolineando che è l'industria stessa che si deve reinventare. "Presto non dovremo più pensare a ridurre il consumo di acqua, poiché in futuro non la utilizzeremo più", assicura, prevedendo che la parte dei jeans prodotta con il laser e l'ozono raggiungerà il 20% entro cinque anni. Per Alberto Candiani, presidente dell'omonimo produttore italiano, sbarazzarsi totalmente del cotone non è certamente un'opzione praticabile. "Abbiamo numerose materie prime promettenti, come il Tencel", ammette. "Ma nessuna di loro potrà sostituire il cotone. Il jeans continuerà a doverlo usare".

Neil Bell auspica, qualunque cosa accada, di vedere gli operatori del settore addetti ai processi produttivi prendersi le proprie responsabilità. "Il consumatore è molto interessato dalla tracciabilità dei suoi prodotti". Tuttavia, per Enrique Silla, è troppo presto per istituire una certificazione, anche se la sua adozione giocherà sicuramente un ruolo molto importante nel futuro. Ma "la trasparenza avrà un costo", mette in guardia Marco Lucietti, brand manager del produttore Isko. "Se vogliamo mantenere la nostra produzione in Europa, allora bisognerà vendere dei prodotti che abbiano un vero valore aggiunto".

E i brand sembrano dargli ragione, come nel caso di G-Star che ha messo in evidenza al Bread&Butter di Berlino di gennaio scorso i suoi prototipi a base di ortiche. O di Japan Rags, che raggiungerà la capitale tedesca nel mese di luglio per presentarvi, su 100 m², solo alcuni modelli di jeans, la cui particolarità è il loro trattamento a base di ozono e la cui etichetta riporta la scritta 'Zero', perché per realizzarli il consumo d'acqua è stato prossimo allo zero.

Matthieu Guinebault (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.