×
1 160
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
RANDSTAD ITALIA
Art Director - Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Trademark Attorney
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
E-Commerce Specialist - Settore Fashion &Amp; Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
ESSE-M STUDIO
Plant Quality Manager Settore Tessile
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
Logistic Manager
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
HR Organization Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
DEDAR
Trade Marketing Manager
Tempo Indeterminato · APPIANO GENTILE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Health & Safety Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
TAKE OFF
Buying Account Manager (Off-Price Fashion)
Tempo Indeterminato · GEZIRA
CONFIDENZIALE
Amministrazione
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Senior Creative Strategist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Product Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Ready to Wear Uomo Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Beauty Advisor Sud Italia
Tempo Indeterminato · CATANZARO
CONFIDENTIAL
Sap Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
THE THIN LINE LANZAROTE
Responsabile Marketing
Tempo Indeterminato · TÍAS
CONFIDENTIAL
Impiegato IT/Commerciale
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Manager Estero - Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB
sr Europe Retail Buyer - Female Denim & Apparel
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
1 giu 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Deckers accusa un calo dei suoi marchi principali nel 2016-17

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
1 giu 2017

Il gruppo californiano Deckers Outdoor, che controlla marchi come UGG e Teva, ha visto calare le vendite del 2,4%, a 369,5 milioni di dollari (330,5 milioni di euro) nel quarto trimestre del suo esercizio scalato, chiuso il 31 marzo. Un calo rivelatosi meno importante del previsto; il gruppo ha anche sorpreso gli investitori generando un profitto inaspettato.

UGG cala nel 2016-17 - REUTERS/David Gray


Le vendite di Teva, assestatesi a 51,3 milioni di dollari, sono molto diminuite (-13,3%). Secondo Deckers, questo calo è legato al ribasso delle vendite all’ingrosso. Le vendite di Sanuk, a 32,3 milioni di dollari, sono però diminuite ancora di più (-16,1%).
 
Le vendite di UGG, il brand principale del gruppo, sono diminuite dell’1,1%, a 243 milioni di dollari, con l’incremento delle vendite all’ingrosso all’estero che è stato compensato dalla diminuzione delle vendite sul mercato americano.

Nel trimestre, la sua perdita operativa, che include i costi di ristrutturazione, ha raggiunto i 30,9 milioni di dollari, contro i 27,9 milioni di un anno prima.
 
Sulla totalità dell’esercizio, il gruppo annuncia di aver registrato una diminuzione delle vendite del 4,5%, a 1,790 miliardi di dollari. A cambi costanti, la contrazione è del 4,1%. UGG, con vendite per 1,451 miliardi di dollari, registra una contrazione del 4,8%. Le vendite di Teva si contraggono dell’11,5%, a meno di 118 milioni, e quelle di Sanuk del 13,6%, a meno di 92 milioni. Infine, gli altri marchi crescono del 16,2%, a quasi 130 milioni, con Hoka One One in crescita del 32,7% nell’ultimo trimestre. I mercati internazionali pesano per 649 milioni di dollari sulla totalità dell’esercizio.
 
Dave Powers, il CEO del gruppo dal 2016, ha voluto mettere in evidenza il piano di risparmi implementato dalla società. "Ora ci aspettiamo che i risparmi cumulativi per 150 milioni di dollari annunciati nel febbraio del 2017 porteranno ad un miglioramento del risultato operativo per 100 milioni di dollari entro il 2020. Penso che abbiamo gettato solide basi per applicare il nostro piano di risparmio", ha puntualizzato in un comunicato.
 
Il gruppo prevede inoltre, per sostenere la ripresa delle vendite, di accelerare lo sviluppo dei nuovi prodotti, che fra l’altro non dovrebbero essere più realizzati in Cina. Deckers ha in progetto anche di chiudere alcuni negozi, e punta a vendite per 2 miliardi, con un margine operativo al 13% nel 2020.
 
Il mese scorso, Deckers ha annunciato che l’azienda potrebbe essere messa in vendita. I suoi marchi principali hanno visto le loro vendite perdere colpi negli ultimi trimestri.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.