×
1 355
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta Human Resources Generalist (Creative Talents)
Tempo Indeterminato · MILANO
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato ·
JIMMY CHOO
Stock Controller
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
PVH ITALIA SRL
E-Commerce Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Facility & IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Vip Key Account Manager / Online Sales Associate
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
E-Commerce Coordinator
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace Manager (Farfetch)
Tempo Indeterminato · LUGANO
PHILIPP PLEIN
(Junior) Marketplace / Multichannel Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Export Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Industrializzatore
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Menswear Brand Sales Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Expansion Manager Nord
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Digital Customer Care Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
Pubblicità
Pubblicato il
17 giu 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

De Beers prevede una richiesta forte di diamanti nel 2014

Pubblicato il
17 giu 2014

Il leader mondiale dei diamanti De Beers stima una crescita dal 4 al 4,5% quest'anno della domanda di diamanti lavorati per la gioielleria, trascinata dalla ripresa americana e dai mercati cinese e indiano, ha dichiarato mercoledì il suo AD Philippe Mellier.

Foto: De Beers Jewellery


"L'economia mondiale continua a non andare molto bene, ma abbiamo la fortuna di avere (...) uno sviluppo delle classi medie che fa sì che la nostra industria non se la passi male. La domanda continua a crescere", ha affermato in un'intervista all'AFP, aggiungendo che i Paesi compratori sono attualmente in buona salute.


"Il primo mercato mondiale per la gioielleria in diamanti sono gli Stati Uniti e tutti sanno che gli USA sono in ripresa. Quando la Borsa e il settore immobiliare risalgono, come sta succedendo oggi dopo la grave crisi, c'è più denaro disponibile e gli americani spendono", ha sottolineato Philippe Mellier.

"Il secondo mercato, la Cina, è molto più piccolo, ma cresce molto in fretta e conta oggi per il 12-13% sulla domanda mondiale (includendo Hong Kong e Macao, ndr.). Ci sono sempre più cinesi che accedono a un potere d'acquisto che consente loro di comprare dei gioielli in diamanti, in particolare quando si sposano", ha aggiunto Mellier. De Beers scommette anche su un "buono, addirittura ottimo secondo semestre in India", diventata un "giacimento dall'importante potenziale per la richiesta di diamanti".

L'India "è stata per molto tempo un mercato di gioielli in oro, spesso venduti a peso, ma da qualche anno il diamante ha cominciato a fare davvero delle apparizioni nella gioielleria e funziona molto bene", ha puntualizzato Philippe Mellier, che accoglie favorevolmente anche l'arrivo al potere del nazionalista indù Narendra Modi, ex governatore del Gujarat. Questo stato è sede di numerosi laboratori di lucidatura, e Narendra Modi passa per essere "un fervente difensore di un'industria che conosce bene, l'industria diamantifera", dice l'AD.

Fondata nel 1888 in Sudafrica, De Beers è una delle società più redditizie del colosso minerario britannico d'origine sudafricana Anglo American, diventato suo azionista all'85% nel 2012. Il gruppo De Beers ha raggiunto lo scorso anno un utile operativo totale di un miliardo di dollari, più del doppio del 2012 (+112%).

Il prezzo dei diamanti grezzi, dopo un picco speculativo nel corso del 2011, si è stabilizzato dall'inizio del 2013, secondo Philippe Mellier, mentre la produzione di De Beers ha ricominciato a crescere (+12% nel 2013, a 31,2 milioni di carati) dopo un calo nel 2012.

De Beers, di cui il governo del Botswana possiede il 15%, non pubblica più un rapporto informativo finanziario separato dall'esercizio 2013, un cambiamento che è stato conseguenza dell'acquisto da parte di Anglo American del 40% del capitale della società sudafricana di diamanti, che storicamente è appartenuta alla famiglia Oppenheimer.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: AFP

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.