×
1 229
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHAEL PAGE ITALIA
Buyer Retail - Accessori - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Centro Italia - Base Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
PRONOVIAS GROUP
Accounting Manager
Tempo Indeterminato · CUNEO
VICTORIA’S SECRET
Area Manager Victoria's Secret
Tempo Indeterminato · BERGAMO
TESSILFORM SPA -PATRIZIA PEPE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB SPA
Category Buyer
Tempo Indeterminato · BREGANZE
OTB SPA
Sap Successfactors Hcm Solutions Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
L'AUTRE CHOSE
Addetto al Reporting e Controllo di Gestione
Tempo Indeterminato · PORTO SANT'ELPIDIO
VALENTINO
Digital Media Planning & Buying Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ROSSIMODA S.P.A.
Tecnico Industrializzatore Strutture
Tempo Indeterminato · VIGONZA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
IT Manager
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
ALEXANDER MCQUEEN ITALIA S.R.L.
Alexander Mcqueen Stock Controller
Tempo Indeterminato · ROMA
Pubblicità

Crocs: le vendite calano, ma i margini migliorano

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 17 mag 2017
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

All’inizio di questa annata, Crocs ha annunciato la chiusura di 160 negozi entro la fine del 2018 (una prima volta per l’azienda), dopo aver dovuto registrare una perdita di 31,7 milioni di dollari nel 2016. Stavolta però, il gruppo è stato finalmente in grado di comunicare qualche buona notizia al termine del primo trimestre 2017. Certo, le sue vendite a cambi costanti sono diminuite del 4,4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, a 268 milioni di dollari, però il margine lordo e l’utile netto sono migliorati.

Un primo trimestre incoraggiante per Crocs - Crocs


La composizione delle vendite è anch’essa migliorata, e grazie allo spostamento della domanda verso le calzature stampate e a costi di produzione diminuiti, il margine lordo aziendale è stato pari al 49,9%, contro il 46,3% di un anno prima. Risultati premiati con un incremento del valore delle azioni della società.
 
"I consumatori hanno risposto positivamente alla nostra offerta per la primavera-estate 2017, il che ci ha permesso di generare ricavi superiori alle nostre previsioni, migliorando nel contempo il margine lordo”, ha dichiarato Gregg Ribatt, il CEO del gruppo, in un comunicato. Questi ha anche aggiunto che l’azienda è in procinto di attuare il suo piano di riduzione dei costi e della rete retail.

Al termine del primo trimestre, Crocs gestiva 542 negozi, contro i 558 del 2016. Il brand ha stretto una partnership con dei distributori locali in Cina e Medio Oriente per affidare loro la gestione dei megozi in queste aree. Sebbene Crocs abbia precisato che le sue vendite al dettaglio dovrebbero diminuire, la società prevede comunque che queste misure avranno l’effetto di sostenere la redditività.
 
Le vendite al dettaglio e all’ingrosso del brand sono calate rispettivamente del 4,1% e del 6,1%. Sono cresciute solamente le vendite all’ingrosso in Europa. Il risultato netto è cresciuto leggermente, principalmente grazie alle vendite online nella regione Asia-Pacifico, che sono aumentate del 21,7%.
 
Gli zoccoli di plastica del brand hanno avuto un successo enorme una decina d’anni fa, tanto che il titolo azionario di Crocs era cresciuto del 500% nei due anni che hanno seguito il suo ingresso in Borsa, avvenuto nel 2006. Ma dopo un periodo di rapida espansione, il marchio e i suoi prodotti hanno perso il fascino di cui godevano fra i consumatori, passando un po’ di moda, e le vendite ne hanno progressivamente sempre più risentito, fino a calare sempre negli ultimi due anni. Come le altre aziende del mondo della moda, Crocs ha anche sofferto della diminuzione delle presenze nei centri commerciali e dei cambiamenti nei comportamenti di spesa dei consumatori.
 
Secondo Crocs, le sue vendite del secondo trimestre dovrebbero collocarsi tra i 305 e i 315 milioni di dollari, e il margine lordo dovrebbe nuovamente crescere rispetto al secondo trimestre del 2016. Un obiettivo che potrebbe essere raggiunto grazie all’implementazione di un piano di marketing aggressivo. E così, il marchio americano ha lanciato diverse campagne pubblicitarie con protagoniste celebrità, come Drew Barrimore e il wrestler John Cena, e una collaborazione con il brand Smiley.
 
Rebecca Taras con Reuters (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.