×
1 074
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Area Manager Wholesale Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Product Manager Accessori
Tempo Indeterminato · TREVISO
DELL'OGLIO
Sales Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CLARKS - ASAK & CO. S.P.A.
Addetta/o Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · BUSSOLENGO
RANDSTAD ITALIA
Coordinator Ufficio Commerciale & Marketing
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Autista di Direzione (Driver)
Tempo Indeterminato · MILANO
MASSIMO BONINI SHOWROOM
Impiegato/a Back Office Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
IRIDE GROUP SRL
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
FOURCORNERS
Brand Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
CAPRI SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
OTTICA GIULIANELLI
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · FERRARA
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
1 apr 2017
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Coty vuole limitare le vendite online per proteggere l'immagine dei suoi marchi

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
1 apr 2017

Nel contesto di una controversia con un distributore tedesco, la statunitense Coty (una delle più grandi aziende di profumeria del mondo) ha confutato le affermazioni secondo le quali intenderebbe vietare completamente le vendite online, affermando che il suo principale obiettivo è di tutelare la qualità dei suoi marchi di lusso, come Marc Jacobs, Calvin Klein e Chloé.

Coty vuole proteggere la personalità, il carattere e l'originalità dei suoi marchi di lusso - Chloé


La questione è di sapere se i gruppi del lusso dovrebbero poter essere in grado di impedire ai dettaglianti di vendere i loro prodotti sulle piattaforme di e-commerce come Amazon o eBay.
 
Da una decina d’anni, i proprietari dei brand sostengono che dovrebbero avere il diritto di scegliersi i propri distributori per proteggere la loro immagine ed esclusività. Al contrario, le piattaforme di vendita online stimano che tali restrizioni siano anticoncorrenziali e siano svantaggiose per i piccoli brand.

Il problema è particolarmente importante in Europa, dove si perfeziona il 70% delle vendite del settore del lusso.
 
Coty ha dichiarato alla più alta corte europea che il suo contenzioso con il distributore tedesco Parfumerie Akzente, che commercializza articoli del gruppo su siti come Amazon senza il suo accordo, non costituisce una richiesta di interdizione di questo tipo di operazioni.
 
Le norme che mirano ad impedire ai distributori di vendere i loro prodotti sulle piattaforme di vendite online hanno lo scopo di preservare l’immagine e la qualità dei prodotti, secondo Andreas Lubberger, l’avvocato di Coty dinanzi alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea. “In Germania c'è un detto che dice che un’immagine vale più di mille parole, in questo caso, un nome vale più di mille parole”, ha inoltre dichiarato.
 
Olivier Spieker, l’avvocato di Parfumerie Akzente, contesta però tali argomenti. "Se si parla di una piattaforma conosciuta che vende prodotti a dei consumatori, allora c’è bisogno di una riflessione appropriata e approfondita per mettere veramente in pratica un provvedimento di divieto”, ha dichiarato ai giudici. “Amazon ed eBay vendono già dei marchi conosciuti; queste marche hanno più da perdere di Coty? L'Oréal, per esempio, dispone di una piattaforma su Amazon”, ha ricordato.
 
Secondo il governo tedesco, che sostiene l’e-commerce, le piattaforme commerciali online sono essenziali per le piccole e medie aziende. "Non bisogna mai abusare di restrizioni che impediscono l'emergere di formati distributivi innovativi”, ha affermato Thomas Henze, l’avvocato di quest’ultimo.
 
Il Lussemburgo considera un divieto assoluto come sproporzionato e ingiustificato, secondo il suo legale, Philippe-Emmanuel Partsch. La sede europea di Amazon si trova in Lussemburgo.
 
La Francia, che ospita grandi marchi come Louis Vuitton, Chanel e Christian Dior, ha invece preso le difese di Coty. Secondo Julie Bousin, l’avvocato francese, le restrizioni alla vendita online consentono di proteggere il prestigio e l’immagine di questi prodotti agli occhi dei consumatori.

Anche l’Italia, i Paesi Bassi e l’Austria hanno preso parte al dibattito. Un consigliere della Corte di Giustizia europea rilascerà un parere non vincolante nei prossimi mesi. I giudici seguono quattro volte su cinque le sue raccomandazioni.

Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.