×
1 447
Fashion Jobs
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Risorse Umane
Tempo Indeterminato · FIRENZE
FIORELLA RUBINO
Fashion Editor
Tempo Indeterminato · ALBA
SIDLER SA
Collection Merchandising Manager Kids / Fashion Brand / Stabio
Tempo Indeterminato · STABIO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Prodotto & Coordinamento Fornitori
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Area Manager Outlet Europa - Fashion & Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Sistemi Informativi
Tempo Indeterminato · VIGEVANO
JENNIFER TATTANELLI
Responsabile Ufficio Prodotto
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Shoes Costing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · TORINO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · GENOVA
CONFIDENZIALE
Responsabile Vendite Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
Di
Ansa
Pubblicato il
24 apr 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Conde Nast International Luxury Conference: integrare innovazione e tradizione

Di
Ansa
Pubblicato il
24 apr 2015

Le grandi griffe del lusso si adeguano alle novità del mondo digitale, ma la parola d'ordine predominante resta quella dell'integrazione tra innovazione e tradizione. Di questo si è discusso alla Conde Nast International Luxury Conference organizzata dalla giornalista di moda Suzy Menkes a Firenze.

Il 'metro digitale', una delle ultime novità in fatto di acquisti online


"Le aziende della tecnologia stanno entrando nel lusso, dobbiamo accoglierle perché internet favorisce la relazione col cliente", ha detto Antoine Arnault, CEO di Berluti e Loro Piana, due brand del gruppo LVMH. Secondo Arnault alcune griffe sono in ritardo e se non si muoveranno in fretta la situazione sarà preoccupante. "L'integrazione di soluzioni digitali è una priorità che ci piaccia o no, fa parte del nostro mondo - ha detto Axel Dumas, CEO di Hermes e sesta generazione della famiglia del fondatore -. Cerchiamo di accompagnare l'uomo moderno nel nuovo mondo e se questo richiede nuove tecnologie, ben vengano". Deve molto alla tecnologia il giovane stilista Jonathan Anderson, fondatore di JW Anderson, che dice: "Se non avessi usato i social media per il mio marchio non sarei arrivato a questo punto, sono arrivato a tutti consumatori. Essere un follower è come fare un abbonamento a una rivista".

Uno sviluppo, questo, assicurato soprattutto dai dispositivi elettronici, il cui mondo è stato rivoluzionato da Apple. "Ad Apple non guardiamo il mondo attraverso le opportunità di mercato, ma attraverso i nostri prodotti. Facciamo attenzione allo sviluppo per un prodotto utile e bello", dice Jonathan Ive, senior vice president design Apple.

Ma la chiave di volta secondo i grandi stilisti è calibrare il mix tra innovazione e tradizione. "Non dobbiamo aver paura dei cambiamenti - ha detto Alber Elbaz, direttore creativo di Lanvin - ma bisogna anche celebrare la tradizione. Il compito dello stilista è combinare passato e futuro. Tutto ciò che sta bene sul computer spesso non sta bene addosso, lo schermo è quadrato, il corpo rotondo. I computer sono macchine, ma macchine senza un cuore".

Un pensiero che si avvicina a quello espresso da Karl Lagerfedl. "Il mio computer è tutto nella mia testa - ha detto Kaiser Karl -. Spero che i negozi on-line non sostituiscano quelli veri, lo shopping è un'attività culturale, bisogna toccare i prodotti, non bisogna uccidere l'esperienza del negozio".
 

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.