×
1 436
Fashion Jobs
RODGY GUERRERA AND PARTNERS
Human Resources Manager Corporate
Tempo Indeterminato · MILANO
RODGY GUERRERA AND PARTNERS
Human Resources Manager Italy&Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Senior Buyer Settore Moda
Tempo Indeterminato · PRATO
MICHAEL PAGE ITALIA
Regional Account Manager Nord Italia Per Realtà di Bigiotteria
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
Junior Product Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
E-Commerce e Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Global CRM Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
BENEPIU' SRL
Produzione -Qualita'
Tempo Indeterminato · CARPI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
17 mar 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Columbia Sportswear varca la soglia dei 2 miliardi di dollari

Pubblicato il
17 mar 2015

Colpo vincente per Columbia Sportswear. Il gruppo statunitense di marchi di outdoor ostentava grandi ambizioni lo scorso anno, fiducioso com'era nella sua strategia di prezzo aggressiva nell'entry level di gamma.

Ottimi risultati finanziari nel 2014 per il gruppo Columbia Sportswear - - Columbia


Di fatto, il gruppo ha visto crescere le vendite del 25% nell'anno solare 2014, rispetto al 2013, superando per la prima volta la soglia dei due miliardi di dollari USA di giro d'affari, corrispondenti a 1,726 miliardi di euro.

Senza considerare alcune operazioni, tra le quali l'attivazione della sua joint venture in Cina e l'acquisto del marchio PrAna, che hanno realizzato vendite rispettive per 132 e 44 milioni di euro, la sua crescita organica è del 12%.

Alla fine, le vendite del marchio Columbia crescono del 24%, a 1,439 miliardi, quelle di Sorel (che nel frattempo ha testato con risultati positivi, rendendolo quindi permanente, il suo nuovo concept di negozio provato a New York) del 29%, a 136 milioni. Aspetti negativi: i cali del 10% e del 3% dei marchi Mountain Hardwear e Montrail, che concludono l'anno con 99 e meno di 9 milioni di euro.

Nella propria offerta, il gruppo ha visto progredire il segmento abbigliamento ed equipaggiamento sportivo del 22%, a 1,376 miliardi di euro, mentre le calzature hanno contribuito con 349 milioni di euro, in progressione del 37%.

Crescita dell'8% in Europa
L'Europa gode in misura minore dalla ripresa dell'attività, con un incremento dell'8% delle proprie vendite, a 213 milioni di euro. Ma il Vecchio Continente non si è potuto avvantaggiare del contributo del marchio PrAna. Columbia Sportswear vede invece crescere le vendite del 23% negli Stati Uniti, a 985 milioni di euro, del 28% in Canada, nazione che apporta 124 milioni, e del 39% nelle regioni America Latina e Asia-Pacifico. Quest'ultima zona trae vantaggio soprattutto dall'attività della joint venture cinese e realizza un giro d'affari di 404 milioni di euro.

L'utile operativo del gruppo è invece cresciuto del 51%, includendo degli ammortamenti e i costi sostenuti per le transazioni. Il dato ha così raggiunto i 164 milioni di euro. L'utile netto arriva invece a 113 milioni di euro, +45%.

Per il 2015, il gruppo punta su una crescita delle vendite vicina al 10% e su un ritmo di crescita dell'utile operativo leggermente più elevato.

Olivier Guyot (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.