×
1 525
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Learning Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SOBA SRL LABELON EXPERIENCE BEACH CLUB
Responsabile Amministrativo Contabile
Tempo Indeterminato · BACOLI
OTB SPA
Corporate Tax Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Financial Reporting Coordinator
Tempo Indeterminato ·
BALDININI SRL
Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
THUN SPA
Area Manager Wholesales Province di fr, te, lt, aq, ri
Tempo Indeterminato · FROSINONE
MANTERO SETA
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Pubblicità

Columbia Sportswear: l’Europa mitiga la contrazione dell’America

Pubblicato il
today 31 ott 2017
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il gruppo statunitense di marchi sportivi Columbia Sportswear continua a raccogliere i frutti delle sue buone vendite in Europa nel corso del terzo trimestre d’esercizio. Buoni risultati che sono stati però un po’ smorzati da un calo delle vendite all'ingrosso negli USA, primo mercato della società.

Complessivamente buono il terzo trimestre di Columbia Sportswear - Columbia Sportswear


Il produttore di articoli sportivi ha annunciato che le sue vendite sono arrivate a 747,4 milioni di dollari (642,1 milioni di euro) nel 3° trimestre dell’esercizio che si è concluso il 30 settembre, pari a un leggero aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, durante il quale le vendite nette erano arrivate a 745,7 milioni di dollari (640,7 milioni di euro). L’utile netto è aumentato del 5%, per raggiungere gli 87,7 milioni di dollari (75,3 milioni di euro).
 
Il gruppo, che possiede i marchi Columbia, Sorel, prAna e Mountain Hardwear, ha precisato che il fatturato in Europa è aumentato di oltre il 20% (87,5 milioni di dollari per la zona EMEA), sia nella distribuzione all’ingrosso che nella rete retail. Invece, le vendite nette sono aumentate dell’8% in Canada, e del 9% in America Latina, in Asia e in Australia. Ma questi buoni risultati sono stati oscurati dal calo del 6% registrato negli Stati Uniti, dove le vendite hanno raggiunto i 456 milioni di dollari (391,8 milioni di euro) in ragione della diminuzione delle vendite all’ingrosso.

“Se il nostro sistema commerciale sta ancora adattandosi ai profondi cambiamenti strutturali messi in opera negli Stati Uniti, il miglioramento della nostra redditività al di fuori del Paese prova la solidità della nostra strategia globale”, ha precisato in un comunicato il CEO di Columbia, Tim Boyle.
 
Guardando con più precisione ai marchi del gruppo, Columbia è il solo ad annunciare vendite con il segno ‘+’: la sua crescita è stata del 2%, per raggiungere i 598,3 milioni di dollari (514 milioni di euro), mentre le vendite di Sorel sono diminuite del 7%, a 81,7 milioni di dollari (70,2 milioni di euro), e quelle di prAna sono calate del 3%, a 36,8 milioni di dollari (31,6 milioni di euro). Mountain Hardwear ha registrato un calo del 4%, a 29,4 milioni di dollari (25,3 milioni di euro).
 
All'inizio dell'anno, Columbia ha revisionato la sua struttura di gestione, aggiungendo le funzioni di Presidente a quelle di Direttore Generale assicurate da Tim Boyle. Tom Cusick è invece stato nominato Vice Presidente Esecutivo e Chief Operating Officer, e ci sono state altre nomine e promozioni. Questa riorganizzazione fa parte di un'evoluzione organizzativa lanciata nel primo trimestre del 2017.
 
La strategia, chiamata “Project Connect”, ha lo scopo di stimolare la crescita delle vendite all’ingrosso e al dettaglio dei marchi del gruppo, in particolare migliorando le loro performance digitali e i loro canali di vendita diretta.
 
Riguardo ai primi 9 mesi d’attività, ora il gruppo statunitense si aspetta per la totalità dell’esercizio 2017 un risultato operativo compreso tra i 243 e i 252 milioni di dollari (tra i 209 e i 216 milioni di euro), contro previsioni iniziali comprese fra 193 e 200 milioni di dollari (fra 166 e 172 milioni di euro). Le vendite annue dovrebbero invece registrare una crescita di circa il 3% rispetto al 2016 e arrivare a 2,38 miliardi di dollari (2,04 miliardi di euro).
 
“Siamo molto lieti di rinnovare le nostre prospettive finanziarie per l’intero anno, che ora comprendono i costi previsti per “Project Connect”. D’altra parte, visti i pre-ordini per la primavera del 2018, siamo ottimisti a proposito della nostra crescita all’estero e speriamo che il nostro commercio all’ingrosso torni a crescere negli Stati Uniti dalla prima metà del 2018”.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.