×
1 541
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Learning Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SOBA SRL LABELON EXPERIENCE BEACH CLUB
Responsabile Amministrativo Contabile
Tempo Indeterminato · BACOLI
OTB SPA
Corporate Tax Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Financial Reporting Coordinator
Tempo Indeterminato ·
BALDININI SRL
Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
THUN SPA
Area Manager Wholesales Province di fr, te, lt, aq, ri
Tempo Indeterminato · FROSINONE
MANTERO SETA
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Pubblicità

Claire’s si dichiara ufficialmente fallita

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 20 mar 2018
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La voce correva da diversi giorni, e ora la catena americana di bijoux, accessori e prodotti di bellezza per le ragazze Claire’s si è dichiarata ufficialmente in bancarotta il 19 marzo. La società ha fatto ricorso, come altri distributori prima di lei (BCBG Max Azria, Sports Direct, Toys’r’us…), al famoso “Chapter 11” della legge statunitense, che permette la la prosecuzione dell'attività dopo la dichiarazione di fallimento. La domanda, depositata presso la corte del Delaware, che le consente di rivedere i termini del suo debito con i creditori, riguarda solo l’attività dell’azienda negli Stati Uniti e non le sue filiali estere, in particolare non concerne quelle europee.

La cerna di negozi che vendono prodotti a basso prezzo si rivolge alle donne dai 3 ai 35 anni - Claire's


Per l’insegna statunitense si tratta “di fare un bilancio e non una ristrutturazione operativa”, sostiene in un comunicato, sforzandosi così di spostare più lontano lo spettro delle chiusure di negozi e della perdita di posti di lavoro. Ma nulla è meno certo di questo, sostengono gli analisti.
 
Claire’s precisa che spera di uscire da questa procedura di fallimento entro settembre 2018, con più di 150 milioni di dollari di liquidità e riducendo il suo debito complessivo di circa 1,9 miliardi di dollari (mentre attualmente è di 2 miliardi). Inoltre, la società afferma di avere stipluato un accordo con i suoi creditori, Elliott Management Corp e Monarch Alternative Capital LP, per un rifinanziamento di 575 milioni di dollari.

Con 7.500 punti vendita in 45 Paesi, la catena girly dal 2007 di proprietà del fondo Apollo Global Management soffre in particolare del calo delle presenze nei mall degli States e per la crescita d’importanza degli attori dell’e-commerce. Il suo fatturato annuale è stato di 1,3 miliardi di dollari (pari a 1,05 miliardi di euro) nel 2016, per una contrazione pari al 6,5% (-3,3% a perimetro comparabile).  
 
Il proprietario di Claire’s, che a lungo aveva pensato di quotare in Borsa la catena, prima di rinunciarvi nel gennaio 2017, anticipa che il fatturato per l'esercizio 2017 resterà stabile, con un Ebitda di 212 milioni di dollari, +13% rispetto all’anno precedente. Alla fine, secondo Bloomberg, Apollo potrebbe vendere la catena ad alcuni dei suoi creditori.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.