×
1 549
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Chanel entra nel capitale di Farfetch per potenziare i servizi digitali

Di
Reuters API
Versione italiana di
Edoardo Meliado
Pubblicato il
today 19 feb 2018
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La casa di moda francese Chanel ha acquistato una quota di minoranza del marketplace online con sede a Londra Farfetch, con l'obiettivo di sviluppare i servizi digitali come le chat e connettere i clienti del marchio con gli assistenti del negozio.

REUTERS/Eric Gaillard


La griffe del lusso di tutto il mondo stanno cercando di espandere i loro servizi digitali per soddisfare i clienti più giovani o più esperti di tecnologia.

Chanel, di proprietà privata, celebre per i suoi abiti di tweed e le sue borse in pelle trapuntata, rappresenta un eccezione nel settore della moda, avendo deciso di non distrubuire via web i suoi capi di abbigalimento e pelletteria.

Secondo il nuovo accordo, la griffe non venderà le sue merci tramite Farfetch ma lavorerà con la piattaforma nei prossimi anni sulle innovazioni digitali legate al servizio clienti, ha dichiarato Bruno Pavlovsky, il presidente delle divisioni moda e accessori di Chanel.

Questi potrebbero includere applicazioni per smartphone che consentono ai consumatori di contrassegnare le proprie preferenze e dimensioni online prima di entrare in un negozio, nel senso che gli assistenti possono soddisfare le loro esigenze o aiutarli a localizzare un oggetto individuato in una rivista, ad esempio, ha commentato Pavlovsky.

"Si tratta di come migliorare il rapporto con i nostri clienti", ha detto Pavlovsky a Reuters, aggiungendo che Chanel non sta cercando di adottare un approccio da "Grande Fratello" per rintracciare i consumatori, quanto di dare un'assistenza più personalizzata a coloro che la desiderino. Il manager non ha tuttavia fornito dettagli finanziari sul nuovo accordo.

La piattaforma di e-commerce collega i compratori con articoli di lusso provenienti da più di 700 boutique in tutto il mondo. L'azienda ha inoltre investito nello sviluppo di funzioni digitali per i negozi, che possono essere adattate per soddisfare i propri partner.

"La sfida per il nostro settore è che i clienti sono abituati a esperienze ultra-personalizzate", ha dichiarato il fondatore e leader portoghese di Farfetch, José Neves. "Quando entri in un negozio, la gente non ti conosce".

Chanel offre già ad alcuni selezionati clienti certi servizi digitali, ma l'intento è di renderli più ampiamente disponibili, ha detto Pavlovsky, aggiungendo che l'azienda inizierà a testare nuove soluzioni a partire da quest'anno.

Il marchio, che conta quasi 200 store, vende cosmetici, occhiali da vista e profumi online, ma afferma che il rilascio di altri articoli sul web li renderebbe meno esclusivi. Rivali come Louis Vuitton, Gucci o Hermès hanno intrapreso una strada diversa, inseguendo la crescita dei ricavi attraverso le vendite online.
 

© Thomson Reuters 2019 All rights reserved.