×
1 273
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Sales Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
FOURCORNERS
Sales Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Floor Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
RANDSTAD ITALIA
Art Director - Beni di Lusso e Gioielli
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Trademark Attorney
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
E-Commerce Specialist - Settore Fashion &Amp; Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
ESSE-M STUDIO
Plant Quality Manager Settore Tessile
Tempo Indeterminato · COMO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
Logistic Manager
Tempo Indeterminato · NOLA
RANDSTAD ITALIA
HR Organization Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
DEDAR
Trade Marketing Manager
Tempo Indeterminato · APPIANO GENTILE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Health & Safety Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
TAKE OFF
Buying Account Manager (Off-Price Fashion)
Tempo Indeterminato · GEZIRA
CONFIDENZIALE
Amministrazione
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Senior Creative Strategist
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Product Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Ready to Wear Uomo Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Beauty Advisor Sud Italia
Tempo Indeterminato · CATANZARO
CONFIDENTIAL
Sap Specialist
Tempo Indeterminato · NOLA
THE THIN LINE LANZAROTE
Responsabile Marketing
Tempo Indeterminato · TÍAS
Pubblicità
Pubblicato il
23 dic 2010
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Cerruti nelle mani di Li & Fung

Pubblicato il
23 dic 2010

A Parigi c'è LVMH, a Hong Kong il gruppo Li & Fung, il quale sta acquistando a mani basse marchi, società di fornitura e simili. Attraverso una delle sue succursali, la Trinity Limited, distributrice di prêt-à-porter maschile alto di gamma in Asia-Pacifico, l'azienda asiatica stavolta si è assicurata la griffe italiana Cerruti.

Cerruti, Li&Fung
Cerruti donna, collezione autunno-inverno 2010/2011

Dopo aver appena riaperto il suo flagship parigino, trasmettendo il messaggio che la stagione delle delusioni e degli insuccessi per la firma nostrana fosse infine alle spalle (l'AD Florent Perrichon, arrivato nel 2008, ha nel frattempo posto il brand a regime, con la chiusura di tre filiali straniere e di tre boutique in Francia, la reintegrazione delle licenze recuperate e la riduzione di metà della forza lavoro impiegata), la griffe apre ora di punto in bianco un nuovo capitolo della propria storia.

"Lavoriamo insieme da anni (Trinity detiene la licenza Cerruti dagli anni '80, ndr), ha precisato Florent Perrichon, e so che il suo know-how nello sviluppo dei marchi permetterà a Cerruti di diventare un marchio di lusso di primissimo piano". Wong Yat Ming, DG del gruppo Trinity, ha aggiunto: "andremo a capitalizzare il valore che abbiamo creato per il brand nel corso degli ultimi anni, continuando a sviluppare l'attività di Cerruti in Asia e allargando l'offerta con nuovi prodotti". "L’acquisizione di Cerruti s’iscrive nella nostra strategia volta ad investire in marchi emblematici o a detenere delle licenze a lunghissimo termine nel prêt-à-porter maschile di alta gamma e di lusso", ha puntualizzato ulteriormente Wong Yat Ming. Con 381 negozi in proprio in 53 città della Cina, Trinity possiede un'importante rete distributiva nel Paese, facendone un partner privilegiato dei marchi stranieri, in particolare europei. Oggi, Trinity commercializza i brand Kent & Curwen, Gieves & Hawkes, D’urban, Intermezzo e Altea. Il gruppo possiede anche 41 boutique nell'ambito di una joint-venture con Ferragamo in Corea e nel Sud-Est asiatico.

Per Li & Fung, che continua ad agire sul terreno degli acquisti di aziende, il rilevamento di Cerruti s'iscrive in questa tendenza. L’anno scorso, il gruppo ha raggiunto i 16 miliardi di euro di fatturato. In tre anni, si è impadronito del britannico Visage Group, del calzaturiere americano Jimlar, proprietario dei marchi Frye, Mountrek e RJ Colt, come pure delle licenze Coach e Calvin Klein, prima di ottenere il sourcing dell'azienda produttrice di articoli sportivi cinese Li Ning. Inoltre, incaricato in particolare del sourcing di Liz Claiborne (Lucky Brand, Juicy Couture, Mexx...), Talbos e Hudson’s Bay, il gruppo di Hong Kong è anche proprietario dell'americana Wear Me Apparel, del fabbricante cinese JMI e del calzaturiere londinese Shubiz, nonché della maison Hardy Amies, fondata dal sarto della regina Elisabetta II.

Di Emilie-Alice Fabrizi (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.