×
1 513
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Learning Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SOBA SRL LABELON EXPERIENCE BEACH CLUB
Responsabile Amministrativo Contabile
Tempo Indeterminato · BACOLI
OTB SPA
Corporate Tax Specialist
Tempo Indeterminato · BREGANZE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Financial Reporting Coordinator
Tempo Indeterminato ·
BALDININI SRL
Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
THUN SPA
Area Manager Wholesales Province di fr, te, lt, aq, ri
Tempo Indeterminato · FROSINONE
MANTERO SETA
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Pubblicità

Capasa: “A Milano serve un giorno in più”

Di
Ansa
Pubblicato il
today 25 set 2017
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La musica è finita, gli amici se ne vanno: è triste come la canzone di Umberto Bindi l'ultima giornata di Milano Moda Donna, con solo tre sfilate in calendario (dovevano essere 4, ma Mila Schön ha scelto in corsa di anticipare di un giorno il suo defilé) e pochissima gente in sala.

Il Presidente di CNMI Carlo Capasa - dr


"Se non mettiamo dei big in chiusura succede questo", ha ammesso Carlo Capasa, presidente della Camera Nazionale della Moda, convinto che a Milano "serva un giorno in più", per arrivare a sei giorni pieni e non ai cinque effettivi di questa edizione.

"La serata di ieri alla Scala ha dimostrato che quando siamo uniti e facciamo sistema siamo una forza, man mano che acquisiamo questa consapevolezza - ha spiegato Capasa - potremo procedere nella direzione di portare la fashion week a sei giorni pieni".

Anche per dare tempo a stampa e buyers - come caldeggiato da Diego Della Valle - di godersi la città, mai così attraente come in questi giorni. E soprattutto dare a tutti la possibilità di fare al meglio il proprio lavoro: se tanti giornalisti stranieri si sono lamentati dei ritmi serrati di queste giornate, paragonati a quelli più dilatati di Parigi, molti giovani non hanno avuto l'attenzione che avrebbero meritato.

Poi è vero che "lo spazio ai giovani lo abbiamo dato anche sotto forma di presentazione, che - ha detto il N°1 di CNMI - dà loro il tempo di strutturarsi e di evitare di bruciarsi sfilando troppo presto", ma non è un bello spettacolo la sala semivuota che accoglie la sfilata della 32enne israeliana Daizy Shely.

In passerella, abiti che raccontano una storia d'amore contrastata, con stampe solo in apparenza romantiche create da giovani artisti, tute in sangallo e camicie maschili, abiti jacquard e trench oversize, salopette di jeans con la gonna a pieghe in tessuto camicia e trench in denim con margherite ricamate.

Dopo di lei, il giapponese Ujoh, che con gli abiti ricorda i suoi 7 anni da modellista: tute con tasche applicate, vestiti con cinghie, tuniche monospalla. Tutto morbido e asimmetrico, con tocchi d'oro e magenta.

Sfila fuori dal calendario ufficiale la collezione Giada disegnata da Gabriele Colangelo, presentata alla Pinacoteca di Brera, cui la maison cinese ha donato due epistole inedite del Manzoni. In passerella abiti tunica e gonne plissé, pantaloni ampi e scivolati con spacchi laterali, giacche fermate sul dorso da gioielli dalla linea geometrica, lunghi capospalla extra dalle spalle stondate, maxicamicie portate come soprabiti, scarpe dal tacco scultura.

Dalla passerella esclusiva di Brera all''urban catwalk' del marchio Ssheena, che fa scendere le sue modelle dall'Arengario a Piazza Duomo, dove si accomodano sui divani a scattarsi selfie tra i passanti. Un progetto voluto da White, il salone di cui la 31enne designer milanese Sabrina Mandelli è stata special guest. La sua collezione si ispira alle atmosfere del Monocle, il nightclub lesbo della Parigi anni 30, e alle donne combattive che lo frequentavano. Per le loro epigone di oggi gonne plissé doppiate in pvc, tute militari con stampe di forme femminili, giacche da sera con cascate di cristalli.

Copyright © 2020 ANSA. All rights reserved.