×
1 416
Fashion Jobs
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
Pubblicato il
15 giu 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Bruno Magli: un rilancio difficile

Pubblicato il
15 giu 2014

Bruno Magli stenta a rilanciarsi. Secondo Da Vinci Invest AG, che ha rilevato lo storico brand di calzature lo scorso gennaio, si tratta solo di un periodo di transizione. A quanto sembra, la società svizzera di gestione di capitali ha trovato un’azienda con una situazione finanziaria critica, e negli ultimi mesi sono state chiuse le boutique di Milano in Via Montenapoleone e di Roma a Fiumicino, licenziando 9 persone.

Un modello Bruno Magli


“Per quel che riguarda Roma, città in cui era previsto un altro negozio che poi non è stato aperto, la decisione è stata presa dal precedente management”, afferma Hendrik Klein, proprietario di Da Vinci Invest AG, che ha da poco preso in mano le redini dell’azienda di Bologna succedendo all’amministratore delegato Manfred Ebensberger, nominato al momento dell’acquisizione. Rimangono aperti quindi tre negozi outlet in Sicilia, a Serravalle e a Barberino del Mugello, e la boutique di Venezia, che secondo i sindacati sarebbe a rischio di chiusura.

“Da Vinci Invest è subentrato nelle trattive con Bruno Magli all’ultimo momento. L’operazione di acquisto si è svolta in appena un mese e mezzo. Quando i nuovi azionisti sono arrivati hanno trovato in azienda una situazione più complicata rispetto a quello che si aspettavano, per cui c’è stato un rallentamento. Ma hanno promesso un grande piano di rilancio”, spiega una fonte sindacale. Secondo altre fonti, inoltre, il pagamento degli stipendi è stato ritardato, mentre la produzione è stata ridotta mettendo a rischio le consegne della collezione per il prossimo inverno.

“La collezione invernale non è assolutamente a rischio”, smentisce Hendrik Klein. “Ogni settimana le consegne vengono fatte verso gli Stati Uniti e il Giappone, che sono i nostri due primi mercati. Siamo stati costretti a cancellare certi ordini troppo importanti, perché abbiamo una piccola capacità di produzione”, puntualizza.

“Vogliamo focalizzarci su questi mercati e sui nostri attuali clienti posizionandoci con un prodotto di lusso accessibile di grande qualità. L’idea è di tornare alle origini di Bruno Magli, per ridiventare un riferimento di eccellenza nella calzatura. Per questo entro due anni vogliamo riportare parte della produzione in casa, a Bologna”, prosegue il CEO.

Nel 2011 il calzaturificio, nato a Bologna nel 1936, era stato notevolmente ridimensionato con il licenziamento di 90 persone, l’esternalizzazione della produzione e il trasferimento delle attività commerciali a Milano. Ora la volontà è di concentrare di nuovo a Bologna le principali attività dell’azienda, riducendo la sede milanese. In quest’ottica il marchio prevede di trasferire la sede di Bologna da Via di Corticella a Villa Zarri a Castel Maggiore, alle porte della città.

Bruno Magli impiega attualmente 75 persone in Italia e realizza un fatturato di 35 milioni di euro.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.