×
1 440
Fashion Jobs
FIORELLA RUBINO
Fashion Editor
Tempo Indeterminato · ALBA
SIDLER SA
Collection Merchandising Manager Kids / Fashion Brand / Stabio
Tempo Indeterminato · STABIO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Prodotto & Coordinamento Fornitori
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Area Manager Outlet Europa - Fashion & Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Sistemi Informativi
Tempo Indeterminato · VIGEVANO
JENNIFER TATTANELLI
Responsabile Ufficio Prodotto
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Shoes Costing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · TORINO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · GENOVA
CONFIDENZIALE
Responsabile Vendite Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
24 gen 2014
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Brooks Brothers si espande in Europa e apre un ristorante a NY

Di
Ansa
Pubblicato il
24 gen 2014

Brooks Brothers, il brand americano di abbigliamento per antonomasia, quello delle iconiche camicie botton down "aprirà entro settembre il suo primo ristorante a New York, tra la Madison Avenue, dove ha sede lo storico negozio di Manhattan, e la 44ma" (praticamente girato l'angolo). Chef italiano e cucina internazionale. E, mentre si appresta a festeggiare i suoi primi 200 anni (ricorreranno nel 2018) "Brooks Brothers punta alla conquista dell'Europa, un mercato paradossalmente ancora tutto da scoprire".

Il CEO di Brooks Brothers, Claudio Del Vecchio - Foto: Ansa


Ad annunciare le novità è lo stesso Claudio Del Vecchio, proprietario e CEO del gruppo (nonostante la proprietà italiana dal 2011), sbarcato a Roma per inaugurare il primo flagship store nella capitale.

Dopo Milano (due negozi) e Bologna (uno), il brand dell'american style apre in uno dei palazzi storici romani che si affacciano in Via del Leoncino: tre piani dedicati alla moda tailored e casual uomo/donna, arredati con boiserie in ciliegio chiaro, vecchie valigie, libri antichi, pavimento in cotto.

Stesso concept dei negozi di tutto il mondo: sono circa 600, di cui 300 negli USA. Di questi, 450 store sono di proprietà, il resto in franchising. In Italia oltre ai 4 negozi a Milano, Roma e Bologna, il brand distribuisce in 150 multimarca. Fatturato del gruppo al luglio 2013: 1 miliardo e 100 milioni di dollari. Un vero rilancio per il marchio, visto che al momento dell'acquisto da Marks & Spencer nel 2001, "le cose non andavano affatto bene" rivela il CEO. "C'è troppa preoccupazione per i marchi italiani acquisiti dai francesi, che non mi sembra abbiano snaturato le aziende. Guardate noi, Brooks Brothers è di proprietà italiana ma rimane un brand americano come lo rimane Ray Ban acquisito da Luxottica", precisa il figlio di Leonardo Del Vecchio, patron del colosso dell'occhialeria Luxottica.

Un discorso facile più a dirsi che a farsi. Ma non per lui, che, si scopre parlando, vive da oltre 30 anni a NY e ha sposato un'americana. "Infatti, - prosegue il CEO - i mercati che ancora dobbiamo conquistare sono proprio quello europeo (che ora vale solo il 5% del fatturato, ovvero circa 40 milioni di dollari), in particolare Germania, Spagna, Svizzera. In Italia puntiamo invece agli shopping mall, con negozi Flatiron dedicati ai giovani. Vogliamo diventare "going global": ci espanderemo anche in Australia, Sud America (Perù e Cile), Cina, India, Russia, Estonia. Ora i nostri primi mercati sono gli USA e il Giappone". Anche la vendita online va bene per Brooks Brothers e "vale il 15% del fatturato", precisa il CEO.

Lo stile del marchio che ancora "negli USA - racconta Del Vecchio - veste i ragazzi che compiono 18 anni come da tradizione, con capi Brooks Brothers regalati dai nonni ai nipoti" rimane molto americano. Le principali collezioni sono le 'Mainline' uomo e donna, le linee 'Red Fleece', 'Black Fleece' (capsule di tendenza disegnata da Tom Brown). Ma in ogni negozio c'è anche un sarto per il su misura. "Abbiamo tre uffici stile con 200 persone che ci lavorano, tra NY e Milano, ma pensavo di sviluppare il tailoring aprendo una scuola di sartoria, sempre più richiesta", rivela Del Vecchio.

Anche se "i capi più venduti rimangono le camicie botton down no iron". Infine, dopo la collaborazione con il cinema per il film candidato agli Oscar per i costumi "Il Grande Gatsby", con la realizzazione di oltre 300 outfit maschili, la maison sta lavorando con la serie tv "Mad Man".

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.