×
1 712
Fashion Jobs
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
Pubblicato il
27 giu 2016
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Brexit, Napoleone (Pitti Immagine): "Difficile valutare ora le conseguenze"

Pubblicato il
27 giu 2016

“Le paure e l'incertezza economica della classe media e operaia hanno pesato in modo decisivo sul voto, mentre i ceti più benestanti e le generazioni più giovani hanno votato per restare. Gli scozzesi hanno votato in prevalenza per il Remain e questo potrebbe accelerare la loro voglia di indipendenza; la stessa cosa potrebbe accadere per l'Irlanda del Nord”. Così ha commentato Raffaello Napoleone, Amministratore Delegato di Pitti Immagine, in relazione alla Brexit.

Raffaello Napoleone, AD di Pitti Immagine - (Photo: Apcom)


“Il problema principale è la mancanza di una buona politica: da un lato sono mancate risposte capaci di temperare i disagi delle classi più esposte alla crisi e alla concorrenza. Dall'altro c'è stata una clamorosa carenza di politica estera comune: ci sono 65 milioni di profughi un tutto il mondo, di cui solo un milione indirizzato verso l'UE. Non è una questione che non possa essere affrontata in modo efficiente ed efficace. Ma senza una strategia condivisa a livello europeo anche quel milione è diventato un rischio mortale agli occhi di tanti europei”, continua l'AD.
 
“Il governo Cameron ha un bilancio controverso sinora agli occhi del popolo britannico: ma quel che è certo è che le alternative disponibili in questo momento comporteranno una chiara perdita di prestigio per il Regno Unito. I mercati finanziari sono probabilmente destinati a subire nuove tensioni e c'è già chi ritiene necessario sottoporre alcune grandi banche europee agli stress test”, afferma Napoleone.

“Tra Italia e Gran Bretagna ci sono fortissime e complesse interdipendenze, adesso è troppo presto per dire quale potrebbe essere il saldo tra le spinte positive e quelle negative. Ma temo che sarebbero queste ultime a prevalere, anche se è difficile valutare ora in che misura", sostiene il manager.

"Intanto la maggior parte degli studi in Gran Bretagna dicono che ci sarà un effetto deprimente sulla crescita del PIL britannico. È probabile che tornino alcune barriere tariffarie e non, limiti alla mobilità del lavoro, meno fluidità di commercio e scambi, in un mondo che, va ricordato, è sempre più basato su catene globali di produzione. E a tale proposito sappiamo che il saldo commerciale tra i nostri paesi è positivo per l'Italia per ben 12 miliardi di euro, secondo solo a quello realizzato con gli Stati Uniti.
Può darsi che una certa svalutazione della sterlina e la scomparsa di alcune regolamentazioni europee piuttosto rigide potrà rendere più convenienti gli investimenti esteri in GB. Ma anche qui è impossibile ora quantificare”, dice.
 
“Un risvolto sociale: ci sono tanti ragazzi inglesi che studiano in Italia. Vengono da famiglie che per la maggior parte sono in grado di sostenere rette significative, ma cosa succederà quando tali rette verranno, probabilmente, equiparate a quelle sostenute dai giovani non UE? Tutto dipende anche da come sarà gestita questa uscita, se sarà davvero un’uscita”, ha concluso Napoleone.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.