×
1 542
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Qualitative & Quantitative Research Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Sales Manager - Jewellery
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain - Demand Planning Emea
Tempo Indeterminato · FIRENZE
JIMMY CHOO
Stock Controller Incluse Categorie Protette l. 68/99
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
LUCA FALONI SRL
Full Time - Responsabile Magazzino e Coordinatore Ordini Online
Tempo Indeterminato · BERGAMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Marketing And Communication Manager - English And French
Tempo Indeterminato ·
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Analista di Processi Finance & Controlling
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Senior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Illuminazione - Design
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Head of Operations
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Lavorazioni Intermedie
Tempo Indeterminato ·
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Coordinatore di Magazzino - Department Store
Tempo Indeterminato · PALERMO
PARIS TEXAS
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MONZA
VICE VERSA SRL
Wholesale Area Manager For Local And Int. Markets
Tempo Indeterminato · MILANO
MANPOWER SRL
Business Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Credit Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Digital Acqusition Media Specialist Appartenente Alle Categorie Protette Legge 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Pubblicato il
27 giu 2016
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Brexit, Napoleone (Pitti Immagine): "Difficile valutare ora le conseguenze"

Pubblicato il
27 giu 2016

“Le paure e l'incertezza economica della classe media e operaia hanno pesato in modo decisivo sul voto, mentre i ceti più benestanti e le generazioni più giovani hanno votato per restare. Gli scozzesi hanno votato in prevalenza per il Remain e questo potrebbe accelerare la loro voglia di indipendenza; la stessa cosa potrebbe accadere per l'Irlanda del Nord”. Così ha commentato Raffaello Napoleone, Amministratore Delegato di Pitti Immagine, in relazione alla Brexit.

Raffaello Napoleone, AD di Pitti Immagine - (Photo: Apcom)


“Il problema principale è la mancanza di una buona politica: da un lato sono mancate risposte capaci di temperare i disagi delle classi più esposte alla crisi e alla concorrenza. Dall'altro c'è stata una clamorosa carenza di politica estera comune: ci sono 65 milioni di profughi un tutto il mondo, di cui solo un milione indirizzato verso l'UE. Non è una questione che non possa essere affrontata in modo efficiente ed efficace. Ma senza una strategia condivisa a livello europeo anche quel milione è diventato un rischio mortale agli occhi di tanti europei”, continua l'AD.
 
“Il governo Cameron ha un bilancio controverso sinora agli occhi del popolo britannico: ma quel che è certo è che le alternative disponibili in questo momento comporteranno una chiara perdita di prestigio per il Regno Unito. I mercati finanziari sono probabilmente destinati a subire nuove tensioni e c'è già chi ritiene necessario sottoporre alcune grandi banche europee agli stress test”, afferma Napoleone.

“Tra Italia e Gran Bretagna ci sono fortissime e complesse interdipendenze, adesso è troppo presto per dire quale potrebbe essere il saldo tra le spinte positive e quelle negative. Ma temo che sarebbero queste ultime a prevalere, anche se è difficile valutare ora in che misura", sostiene il manager.

"Intanto la maggior parte degli studi in Gran Bretagna dicono che ci sarà un effetto deprimente sulla crescita del PIL britannico. È probabile che tornino alcune barriere tariffarie e non, limiti alla mobilità del lavoro, meno fluidità di commercio e scambi, in un mondo che, va ricordato, è sempre più basato su catene globali di produzione. E a tale proposito sappiamo che il saldo commerciale tra i nostri paesi è positivo per l'Italia per ben 12 miliardi di euro, secondo solo a quello realizzato con gli Stati Uniti.
Può darsi che una certa svalutazione della sterlina e la scomparsa di alcune regolamentazioni europee piuttosto rigide potrà rendere più convenienti gli investimenti esteri in GB. Ma anche qui è impossibile ora quantificare”, dice.
 
“Un risvolto sociale: ci sono tanti ragazzi inglesi che studiano in Italia. Vengono da famiglie che per la maggior parte sono in grado di sostenere rette significative, ma cosa succederà quando tali rette verranno, probabilmente, equiparate a quelle sostenute dai giovani non UE? Tutto dipende anche da come sarà gestita questa uscita, se sarà davvero un’uscita”, ha concluso Napoleone.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.